Newsletter N. 18 del 27 giugno 2011

giugno 28, 2011 scritto da ·

Spedizionieri doganali, ausiliari e patente nazionale, le precisazioni dell’Agenzia delle Dogane

Con la Circolare 19/D (Prot. 75654 RU) del 24/06/2011, l’Agenzia delle Dogane illustra le novità introdotte dal d.lgs 59/2010, emesso in attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno, che come noto ha modificato il Testo Unico delle leggi doganali (D.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43), introducendo nuove modalità in materia di esercizio della professione di spedizioniere doganale.
Leggi tutto l’articolo

Progetto CARGO  e Colloquio Gestori T.C. per i depositi franchi

Con Comunicazione del 24.06.2011, l’Agenzia delle Dogane informa che nell’ ambito dei messaggi previsti dal Colloquio per i Gestori dei magazzini di Temproranea Custodia (T.C.), a partire dal 24 Giugno 2011 è stato modificato – in ambiente di prova – il messaggio relativo al risultato dello sbarco/imbarco (Rapporto Eccedenze/Mancanze /Partite franche non sbarcate / imbarcate), al fine di consentirne anche ai gestori dei depositi franchi di inviare le informazioni relative alle partite franche di competenza…
Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Territorialità ai fini Iva per le prestazioni di deposito merci e l’obbligo di comunicazione delle operazioni “black list”

giugno 28, 2011 scritto da ·

Con la Circolare N.28/E del 21 giugno 2011 l’Agenzia delle Entrate raccoglie le risposte ad alcuni quesiti sottoposti all’amministrazione in occasione di una serie di incontri con la stampa specializzata. I chiarimenti riguardano  numerosi argomenti, fra cui la territorialità ai fini Iva per le prestazioni di deposito merci e l’obbligo di comunicazione delle operazioni “black list”. Con riferimento a quest’ultima materia, viene precisato che in caso di importazioni di beni da uno Stato “black list”, i dati dell’operatore estero da inviare alle Entrate sono quelli rilevabili dalla bolletta doganale, e non dalla fattura. Un altro quesito riguarda l’importazione di beni originariamente esportati, a causa di reso. In base alle precisazioni dell’Agenzia, si tratterebbe di un’operazione autonoma rispetto all’iniziale cessione, in relazione alla quale deve essere inviata un’apposita (separata) comunicazione, non essendo sufficiente una semplice rettifica di quella precedente.

Allegati: Agenzia Entrate – 2011 – Circolari – 28E – 21062011