Newsletter N. 24 del 2 Agosto 2010

agosto 1, 2010 scritto da ·

Aggiornate le sezioni AES ed ICS in e-customs.it: l’Agenzia delle Dogane informa che sul sito web è stata aggiornata la sezione AES (Automated Export System) con i tracciati della dichiarazione sommaria di uscita (EXS). Si ricorda che il progetto AES mira a realizzare il tracciamento elettronico ed il controllo automatizzato delle operazioni di esportazione in ambito comunitario, basandosi sullo stesso schema di funzionamento dell’ N.C.T.S. (New Computerized Transit System)
Leggi l’ articolo completo

Principali novità in materia di ICS che entreranno in vigore dal 1° gennaio 2011: mediante apposito comunicato datato 22 luglio 2010, l’Agenzia delle Dogane ricorda che dal 1° gennaio 2011 la regolamentazione comunitaria in materia di sicurezza prevede l’obbligo per gli operatori economici di adeguarsi a quanto previsto nell’ambito del progetto I.C.S. (Import Control System). In attesa dell’emanazione delle istruzioni ufficiali da parte degli Uffici dell’Agenzia competenti in materia, vengono dunque anticipate le principali novità relative alla presentazione delle dichiarazione sommaria di entrata (ENS), da presentare prima dell’ingresso della merce nel territorio doganale della Comunità
Leggi l’ articolo completo
Leggi tutta la Newsletter

Aggiornate le sezioni AES ed ICS in e-customs.it

agosto 1, 2010 scritto da ·

L’ Agenzia delle Dogane informa che sul sito web è stata aggiornata la sezione AES (Automated Export System) con i tracciati della dichiarazione sommaria di uscita (EXS). Si ricorda che il progetto AES mira a realizzare il tracciamento elettronico ed il controllo automatizzato delle operazioni di esportazione in ambito comunitario, basandosi sullo stesso schema di funzionamento dell’ N.C.T.S. (New Computerized Transit System). L’AES è suddiviso in due fasi funzionali: 1) comunicazione elettronica del “visto uscire”, 2) obbligatorietà della trasmissione telematica della dichiarazione doganale di esportazione in procedura, ordinaria di accertamento ed in procedura domiciliata/semplificata e dei dati“sicurezza”. Il Reg. (CE) n. 1875/2006 ha fissato rispettivamente al 1° luglio 2007 ed al 1° luglio 2009 le date a decorrere dalle quali gli Stati Membri dovevano obbligatoriamente procedere all’attivazione funzionale della prima e della seconda fase dell’AES. A decorrere dal 1° gennaio 2011 invece, ai sensi del Reg. (CE) n. 273/2009, gli operatori economici avranno l’obbligo di presentare la dichiarazione sommaria di uscita (EXS) nei termini e nelle modalità previste dai  Reg. (CE) n. 1875/2006 e n. 312/2009. Tale dichiarazione, da presentare all’ufficio doganale di uscita, è richiesta nel caso in cui le merci destinate ad uscire dal territorio doganale della Comunità non formino oggetto di una dichiarazione doganale di esportazione.
L’EXS vapresentata per via telematica, utilizzando il Servizio Telematico Doganale dell’Agenzia delle Dogane, le cui modalità di adesione ed accesso sono illustrate nella sezione “Servizio telematico Doganale – E.D.I.” del sito internet dell’Agenzia. Una volta ottenuto l’accesso al suddetto servizio, gli operatori economici possono inviare la dichiarazione utilizzando la struttura dati definita nei relativi tracciati record, disponibili nella sezione e-customs.it – AES – EXit Summary Declaration (EXS) del sito Internet dell’Agenzia delle Dogane. In particolare, per la trasmissione della dichiarazione sommaria d’uscita, devono essere utilizzati i tracciati “EXS” ed “EXS1”, mentre per l’eventuale rettifica, i tracciati “REXS” e “REXS1”.
A breve sarà pubblicata anche la versione in lingua inglese dei succitati tracciati. L’Agenzia fa presente, infine, che gli utenti telematici potranno effettuare i test in ambiente di prova a partire dal  15 settembre 2010.
Eventuali osservazioni sui tracciati dovranno essere inviate all’indirizzo dogane.ecustoms@agenziadogane.it, riportando nell’oggetto l’indicazione “Tracciati EXS”.

Inoltre, sempre l’Agenzia delle Dogane informa che sul suo sito web è stata aggiornata la sezione ICS – AIS, con le strutture dei messaggi (ENS, RENS, DIV) e i relativi messaggi di risposta.