Newsletter N. 24 del 12 settembre 2011

settembre 11, 2011 scritto da ·

Depositi IVA dopo il “decreto sviluppo”

Con la Nota Prot. 84920/RU del 7/09/2011, l’Agenzia delle Dogane, facendo seguito al comunicato n. 86094 del 20 luglio 2011 (vedasi Newsletter CNSD n. 22/2011), illustra le novità relative all’istituto del deposito IVA, a seguito delle modifiche introdotte dal d.l. 13 maggio 2011, n. 70 (“decreto sviluppo”), convertito in legge 12 luglio 2011, n. 106.
L’attenzione degli operatori viene richiamata sull’obbligo di costituzione (salvi i casi di esenzione), di una garanzia di valore commisurato all’ammontare dell’IVA dovuta sulle merci, svincolabile solo a seguito all’estrazione delle stesse dai locali di deposito…

leggi tutto l’ articolo

Impianti di fabbricazione delle emulsioni stabilizzate

L’Agenzia delle Dogane, con la Circolare N. 28/D del 6 settembre 2011 ricorda che con l’art. 21-bis, comma 1 del D.lgs 504/95 (Testo Unico Accise), nell’ambito di un programma agevolativo approvato dalla Commissione europea e decorrente dal 1° gennaio 2008 e della durata di sei anni, è stata stabilita un’aliquota specifica per le emulsioni stabilizzate di gasolio o di olio combustibile denso, anche prodotte dal medesimo soggetto che le utilizza, per carburazione o per combustione, limitatamente ai quantitativi necessari per il suo fabbisogno…

leggi tutto l’ articolo Leggi tutto

Territorialità delle prestazioni di servizi ed incidenza su alcune operazioni doganali

settembre 11, 2011 scritto da ·

Con la nota Prot. 54819/RU, l’Agenzia delle Dogane informa che la Direttiva 2008/8/CE del 28 novembre 2006, recepita nell’ordinamento italiano con il D.Lgs 11 febbraio 2010, n. 18, ha introdotto rilevanti modifiche alla Direttiva 2006/112/CE in tema di territorialità delle prestazioni di servizi.

A decorrere dal 1° gennaio 2010 infatti (fatte salve talune deroghe espressamente contemplate dalla norma), le prestazioni di servizi si considerano effettuate nel territorio dello Stato quando sono rese ad un soggetto passivo ivi stabilito. In applicazione di tale regola generale, il committente nazionale soggetto passivo è tenuto ad osservare tutti gli adempimenti relativi all’applicazione dell’IVA e deve assolvere l’imposta secondo il meccanismo dell’inversione contabile (“reverse charge”), relativamente alle prestazioni di servizio ricevute da un soggetto passivo non stabilito e territorialmente rilevanti in Italia.

La modifica in questione incide in modo sostanziale anche su talune operazioni di natura doganale. Sono infatti pervenute All’Agenzia numerose richieste di chiarimento in particolare, con riguardo alle modalità di assolvimento dell’IVA relativa alla reimportazione dei prodotti compensatori risultanti da merce comunitaria sottoposta a lavorazione fuori dal territorio della Comunità (regime di perfezionamento passivo).

Sulla base delle norme vigenti, in tale ipotesi si v’è il rischio di una duplicazione d’imposta in quanto:

a) da un lato, la merce reintrodotta nel territorio comunitario a seguito di perfezionamento passivo deve essere dichiarata in dogana non soltanto, in base al Codice doganale comunitario, al fine del pagamento del dazio afferente ma anche, ai sensi dell’art. 67 del D.P.R. n. 633/72, per l’applicazione dell’IVA, da determinarsi secondo il successivo art. 69;

b) la nuova disciplina IVA prevede che, sulla prestazione di servizi resa da un soggetto passivo non residente, l’imposta sia assolta dal committente nazionale attraverso il reverse charge.

Al fine di contemperare le esigenze di ordine doganale con quelle di tipo fiscale, l’Agenzia delle Entrate, con nota prot. n. 2011/49194 del 6 aprile 2011, poi confermata dalla circolare n. 37/E del 29 luglio 2011 (par. 5.1), ha precisato che i servizi di lavorazione eseguiti in un Paese terzo su beni destinati ad essere reimportati non possono essere esentati nello stato membro nel quale i medesimi servizi devono essere assoggettati ad imposta, conformemente alle nuove disposizioni. L’IVA sulla lavorazione va dunque opportunamente corrisposta dal committente al momento dell’effettuazione della prestazione di lavorazione, tramite emissione di autofattura, ovvero integrazione della fattura del fornitore estero.

In virtà di tale orientamento, l’Agenzia delle Dogane precisa che al momento della reimportazione dei prodotti compensatori, ai fini dell’applicazione dell’imposta sul valore aggiunto:

– in applicazione dell’art. 69 del D.P.R. n. 633/72, dovrà essere calcolata l’IVA in dogana determinandola in base ai metodi di tassazione previsti dalla normativa doganale in materia (art. 151 del Reg. CEE 2913/92 e art. 591, Reg. CEE 2454/93). Da tale importo dovrà essere sottratto l’ammontare dell’IVA già assolto sulla prestazione di lavorazione risultante dalla autofattura emessa dal committente nazionale o dall’integrazione della fattura del fornitore estero effettuata dal committente stesso.

– qualora il committente nazionale non sia in grado di dimostrare l’avvenuto assolvimento dell’IVA sulla prestazione di lavorazione, continuerà ad essere applicata la procedura sinora seguita che prevede la liquidazione ed il pagamento dell’IVA in dogana. In tale ipotesi, al fine di rispettare l’obbligo imposto dalla disciplina fiscale, il committente nazionale provvederà ad emettere autofattura senza applicazione dell’IVA indicando, in luogo dell’aliquota e dell’imposta, la dizione “IVA assolta in dogana con documento doganale n…”.

La procedura in questione mira a scongiurare anche la possibilità che, in caso di mancata reimportazione nel territorio dello Stato, l’imposta sulla prestazione in questione non venga assolta.

Sempre nel sopra citato parere, l’Agenzia delle Entrate ha precisato inoltre che, qualora l’aliquota IVA del prodotto finito sia inferiore a quella ordinaria, si applicherà alla prestazione di lavorazione detta aliquota agevolata ai sensi dell’art. 16, terzo comma, del DPR 633/72, ai sensi del quale “per le prestazioni di servizi dipendenti da contratti d’opera, di appalto e simili che hanno per oggetto la produzione di beni (..), l’imposta si applica con la stessa aliquota che sarebbe applicabile in caso di cessione dei beni prodotti (..)”.

Peraltro, la sopradescritta procedura è idonea a risolvere il problema di una eventuale doppia imposizione anche con riferimento ad altre operazioni di natura doganale, ed in particolare le seguenti:

– merce acquistata presso uno Stato non comunitario, sottoposta ad operazione di lavorazione/trasformazione in territorio extra-UE, e solo successivamente importata nella Comunità;

– esportazione definitiva della merce al fine di una lavorazione/trasformazione in territorio extra-UE, senza trasferimento della proprietà, sulla scorta di una lista valorizzata ovvero di un documento di trasporto o di consegna – operazione non valida ai fini dell’art. 8 del D.P.R. n. 633/72 – e successiva importazione nella Comunità.

Infine, per garantire uniformità di indirizzo nell’espletamento delle formalità doganali di reimportazione dei prodotti compensatori, ovvero di importazione di merce precedentemente sottoposta a lavorazione/trasformazione in territorio extra-UE, la dichiarazione doganale deve essere compilata con i seguenti accorgimenti:

– la liquidazione dell’IVA deve avvenire nei modi ordinari ai sensi dell’art. 69 del D.P.R. n. 633/72 ed il relativo ammontare deve essere indicato nella casella 47 del DAU, utilizzando il codice tributo 405 (imposta sul valore aggiunto relativa alle importazioni);

– dall’ammontare a debito così determinato deve essere stornato l’ammontare dell’IVA relativa alla prestazione di lavorazione già assolta dal committente con il meccanismo del reverse charge, utilizzando a tal fine il codice tributo 407 da indicare nella casella 47 del DAU.

A tale riguardo, la tabella n. 15 allegata alla Circolare n. 45/D dell’11 dicembre 2006, nella descrizione del codice tributo 407, deve considerarsi così integrata: “Imposta sul valore aggiunto non dovuta perché assolta ai sensi dell’art. 7-ter, comma 1, lett. a), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, da detrarre dal tributo 405”.

Nella casella 44 del DAU devono essere infine indicati gli estremi del documento presentato in dogana (autofattura ovvero fattura estera appositamente integrata dal committente nazionale), che attesta l’avvenuto assolvimento dell’IVA sulla prestazione di lavorazione.

Allegati: Agenzia Dogane – Nota – 54819RU – 7092011