Newsletter N. 36 del 30 dicembre 2011

gennaio 2, 2012 scritto da ·

Informazioni Tariffarie Vincolanti (I.T.V.), nuove istruzioni per l’ottenimento

Con la nota Prot. 140112/R.U. del 30 novembre 2011, l’Agenzia delle Dogane rende noto che dal primo gennaio 2012 entreranno in vigore alcune rilevanti modifiche in ordine al procedimento volto all’ottenimento delle ITV. La prima importante modifica riguarda la presentazione delle domande, le quali dovranno ora essere inviate, da parte degli operatori interessati tramite il servizio postale con raccomandata A/R, direttamente all’Ufficio per la tariffa doganale, per i dazi e per i regimi dei prodotti agricoli della Direzione Centrale Gestione tributi e rapporto con gli utenti dell’Agenzia, sito in via Mario Carucci, 71, 00143 Roma. Una copia di detta istanza dovrà essere trasmessa, per opportuna conoscenza, all’Ufficio periferico competente per territorio tenendo conto della sede legale del richiedente…

Leggi tutto l’articolo 

Progetto EMCS – DAA – Fase 3. Modifica ai modelli cartacei per le procedure di riserva

Con la Nota Prot. 146264/RU del 21 dicembre 2011, l’Agenzia delle Dogane fa seguito alla precedente nota prot. n. 128489 del 2 novembre 2011 (con la quale sono state fornite le istruzioni per l’attuazione di quanto previsto dalla Fase 3 del progetto EMCS), con cui comunica l’avvenuto adeguamento dei modelli cartacei, diramati con nota prot. n. 156606 del 22 dicembre 2010, relativi al Documento di accompagnamento di riserva per la circolazione in regime sospensivo di prodotti sottoposti ad accisa…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Realizzazione di un modello “tipo” di provvedimento di messa a disposizione di Risorse Proprie Tradizionali

gennaio 2, 2012 scritto da ·

Con la Circolare 39/D del 20 dicembre 2011, l’Agenzia delle Dogane comunica che a seguito di alcune verifiche, è emerso che i provvedimenti di dispensa dalla messa a disposizione di R.P.T. adottati da alcune Direzioni regionali od interregionali risultano essere, non di rado, gravemente carenti nella rappresentazione dei presupposti di fatto e di diritto e delle motivazioni che rendono applicabile l’art. 17, comma 2, del Regolamento 1150/00. Tale carenza, spesso presente anche nei correlati allegati VI e VII, ha in più occasioni indotto la Commissione Europea-Bilancio, nel corso delle rituali visite di controllo presso gli uffici, a chiedere, quantomeno in prima battuta, il versamento dei diritti afferenti e dei connessi interessi di mora (ai sensi dell’art. 11 del Regolamento 1150/00); ciò, anche nei casi in cui le ragioni sottese alla inesigibilità del debito siano effettivamente fondate (ancorché mal esposte negli atti in questione). A seguito delle pretese della Commissione, l’Agenzia è stata pertanto costretta – per far valere le proprie ragioni – a successive, defatiganti integrazioni istruttorie e connesse interlocuzioni con i servizi comunitari, con evidente aggravio del procedimento. A tutto ciò, va peraltro aggiunta la frequente disomogeneità dei criteri adottati da ciascun Ufficio per la predisposizione dei provvedimenti in questione, che mette ulteriormente a rischio il positivo apprezzamento degli stessi atti in sede di verifica comunitaria.

Pertanto, al fine di ovviare alle suesposte criticità, si è ritenuto opportuno mettere a punto un modello “tipo” di provvedimento, allegato alla Circolare, che le Direzioni territoriali dell’Agenzia sono d’ora in avanti tenute ad utilizzare, sia nel caso di discarico per inesigibilità dichiarata/considerata di RPT, sia per le determinazioni di messa a disposizione.

Lo schema prevede che siano dettagliatamente evidenziati, in ordine cronologico, gli atti e gli adempimenti inerenti all’attività svolta da tutti i soggetti istituzionali coinvolti nelle procedure di constatazione, accertamento e recupero del credito. L’obiettivo è quello di far emergere, in modo chiaro e inequivocabile, il rispetto dei termini prescritti e la conseguente assenza di responsabilità da parte dello Stato (nel caso di richiesta di dispensa), ovvero le ragioni di fatto e di diritto (ritardi, inerzia, omissione di atti) che, viceversa, portano a ritenere ineludibile la messa a disposizione.

Allegati: Agenzia Dogane – Crcolari – 39D – 20122011