Newsletter N. 1 del 3 Gennaio 2011

gennaio 3, 2011 scritto da ·

Regolamento (UE) n. 430 del 20 maggio 2010, primi chiarimenti dall’Agenzia delle Dogane

Con la Circolare N. 18/D (Prot. 162477RU) del 29 dicembre 2010, l’Agenzia delle Dogane rende noto che con il Regolamento (UE) n. 430 del 20 maggio 2010 (in GUUE, serie L n. 12/10 del 21 maggio 2010), sono state apportate alcune modifiche al Reg. (CEE) 2454/93 (DAC) che trovano applicazione a decorrere dal 1° gennaio 2011. Le modifiche in questione riguardano sia aspetti di natura procedurale del regime dell’esportazione sia profili di applicazione delle misure di sicurezza…
Leggi tutto l’ articolo

Adeguamento del Servizio Telematico Doganale EDI al codice EORI

Come noto, il 1° luglio 2009 è stato dato l’avvio al sistema di registrazione e di identificazione degli operatori economici denominato E.O.R.I. (Economic Operator Registration and Identification), il quale prevede l’attribuzione agli operatori economici e ad altre persone che prendono parte ad attività disciplinate dalla regolamentazione doganale, da parte degli Stati membri, di un codice identificativo, univoco su tutto il territorio comunitario da utilizzare nei rapporti tra i soggetti in questione e le Amministrazioni doganali, nonchè per lo scambio di informazioni tra le Amministrazioni doganali dei diversi Stati membri…
Leggi tutto l’ articolo Leggi tutta la Newsletter

Progetto sperimentale INFOIL –Circolare 14/D del 10 agosto 2010. Ulteriori chiarimenti relativi alla riconciliazione tra le misure manuali e le telemisure nonché agli scarti tollerabili all’atto della retrocessione a semilavorato del piede residuale del serbatoio

gennaio 3, 2011 scritto da ·

Nella circolare 14/D del 10 agosto 2010, concernente la definizione da parte dell’Agenzia degli indirizzi operativi previsti dal D.M. n. 169 del 29 ottobre 2009 (Regolamento INFOIL) e dalla determinazione direttoriale n. 72258/R.U. del 24 maggio 2010 (Direttoriale INFOIL), erano state riservate, nelle more della conduzione di apposite verifiche da parte dei gruppi misti permanenti di lavoro attivi presso ciascun impianto, una serie di definizionim quali:

1) lo scarto ammissibile tra la misura manuale e quella effettuata in maniera automatica del livello e della temperatura di un prodotto stoccato all’interno di un serbatoio (rif. paragrafi 1.3.1 e 1.3.2 della predetta circolare), nei casi in cui sia disponibile la sopra citata misura manuale; Leggi tutto