Newsletter N.22 del 11.08.2014

agosto 11, 2014 scritto da ·

Merci sospettate di violare diritti di proprietà intellettuale: linee guida per la presentazione delle domande

L’Agenzia delle Dogane, con la nota Prot.79094/RU del 4 agosto 2014, fornisce una serie di indicazioni sulle modalità di presentazione delle domande di intervento all’Autorità doganale italiana nei confronti di merci sospettate di violare diritti di proprietà intellettuale, domande la cui presentazione, a partire dal 1° luglio 2014, deve obbligatoriamente avvenire in modalità telematica, utilizzando il servizio Istanze on line del sistema FALSTAFF secondo le disposizioni già emanate dall’Agenzia con la nota prot. n. 22965 del 28 febbraio 2014…

Leggi tutto l’articolo

 

Leggi tutto

Newsletter N.21 del 4.08.2014

agosto 4, 2014 scritto da ·

Sistemi efficienti di utenza, modalità applicative accise

L’Agenzia delle Dogane, con la circolare 12/D del 25 luglio 2014, fornisce una serie di indicazioni sulle modalità di applicazione delle imposte su produzione e consumi di energia per i Seu (Sistemi efficienti di utenza) o, più in generale, per tutti gli SSPC (sistemi semplici di produzione e consumo) concepiti per consentire la produzione e il consumo di energia nel medesimo sito…

Leggi tutto l’articolo

Trattamento fiscale del gas naturale impiegato presso le aziende ospedaliere

L’Agenzia delle Dogane, con la nota 77415/RU del 30 luglio 2014, fornisce una serie di chiarimenti sull’interpretazione dell’art. 26 del Testo Unico Accise (T.U.A.) per quanto riguarda l’applicazione dell’aliquota per usi industriali agli impieghi di gas naturale per combustione in “tutte le attività industriali produttive di beni e servizi”. L’Agenzia ricorda che si è sempre espressa nel senso di non ricomprendere le aziende ospedaliere pubbliche nel novero di tali attività, ritenendo, sulla base dei criteri desumibili dall’art. 2195 del codice civile…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Preferenze tariffarie: biciclette prodotte in Cambogia con l’impiego di parti originarie della Malaysia

agosto 4, 2014 scritto da ·

Con il regolamento (UE) n. 978/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio, relativo all’applicazione di un sistema di preferenze tariffarie generalizzate a partire dal 1° gennaio 2014, l’Unione europea ha concesso questo tipo di preferenze alla Cambogia. Il regolamento (CEE) n. 2454/93 definisce la nozione di «prodotti originari» applicabile ai fini del sistema di preferenze tariffarie generalizzate (SPG). Leggi tutto

Newsletter N. 35 del 30.12.2013

dicembre 30, 2013 scritto da ·

Agenzia Dogane: applicazione norme contro la fabbricazione e il traffico illeciti di armi da fuoco

Con la nota prot. 143005 RU del 19 dicembre 2013, l’Agenzia delle Dogane informa che dal 30 settembre u.s. è applicabile il Regolamento UE n. 258 del 14 marzo 2012, concernente la materia indicata in oggetto. Al riguardo, nel comunicare che sono state già fornite le opportune istruzioni agli Uffici delle dogane, la Direzione centrale riassume nella nota in oggetto gli adempimenti richiesti agli operatori del settore…

Leggi tutto l’articolo

Cumulo interregionale fra l’Indonesia e lo Sri Lanka per le norme d’origine, nuovo regolamento dalla Commissione

L’articolo 86, paragrafo 5, del regolamento (CEE) n. 2454/93 prevede la possibilità di autorizzare i paesi beneficiari del sistema unionale delle preferenze generalizzate (SPG) appartenenti ai gruppi regionali I e III a impiegare l’uno i materiali dell’altro nel quadro di una tipologia specifica di cumulo, comunemente denominata «cumulo interregionale»; fissa inoltre le condizioni cui è subordinata l’autorizzazione…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Cumulo interregionale fra l’Indonesia e lo Sri Lanka per le norme d’origine, nuovo regolamento dalla Commissione

dicembre 30, 2013 scritto da ·

L’articolo 86, paragrafo 5, del regolamento (CEE) n. 2454/93 prevede la possibilità di autorizzare i paesi beneficiari del sistema unionale delle preferenze generalizzate (SPG) appartenenti ai gruppi regionali I e III a impiegare l’uno i materiali dell’altro nel quadro di una tipologia specifica di cumulo, comunemente denominata «cumulo interregionale»; fissa inoltre le condizioni cui è subordinata l’autorizzazione.

Con lettera del 15 aprile 2013, l’Indonesia e lo Sri Lanka hanno presentato una richiesta congiunta di cumulo interregionale ai sensi dell’articolo 86, paragrafo 5, del regolamento (CEE) n. 2454/93.

Nell’ottica di promuovere gli scambi commerciali e di contribuire alla crescita delle rispettive economie, i due paesi hanno chiesto di autorizzare il settore della tabacchicoltura indonesiano a rifornire l’industria manifatturiera dei sigari dello Sri Lanka di materiali di origine indonesiana che lo Sri Lanka possa impiegare al suo interno, nel quadro del cumulo, in ulteriori lavorazioni o trasformazioni che vanno oltre le operazioni di cui all’articolo 78, paragrafo 1, del regolamento (CEE) n. 2454/93. Nella richiesta, entrambi i paesi si sono impegnati a osservare o far osservare le norme d’origine nel quadro dell’SPG e a fornire la cooperazione amministrativa necessaria per assicurarne la corretta applicazione sia nei confronti dell’Unione europea che nelle loro relazioni reciproche.

La richiesta descrive sia i materiali di cui si propone l’impiego nel quadro del cumulo, ossia tabacchi greggi o non lavorati e cascami di tabacco di cui alla voce 2401 del sistema armonizzato (SA), sia le fasi di lavorazione e i processi ausiliari che s’intendono effettuare nello Sri Lanka. In essa si afferma che, se autorizzato, il cumulo interregionale avrà effetti benefici sulle economie di entrambi i paesi e non recherà pregiudizio ai settori economici dell’Unione attivi nella produzione e vendita di sigari.

Si è di conseguenza autorizzato lo Sri Lanka a cumulare materiali di cui alla voce SA 2401 originari dell’Indonesia, a condizione che entrambi i paesi mantengano lo status di paese beneficiario ai sensi dell’articolo 2, lettera d), del regolamento (UE) n. 978/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio. La Commissione europea sorveglierà l’evoluzione delle importazioni derivante da quest’autorizzazione, che potrà rivedere alla luce della sorveglianza effettuata in base a criteri quali l’aumento quantitativo delle importazioni.

Pagina successiva »