Newsletter N. 21 del 9.09.2013

settembre 9, 2013 scritto da ·

Nuovo tasso di interesse semestrale per il pagamento differito dei diritti doganali

Il decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze 25 luglio 2013 fissa il nuovo tasso di interesse semestrale per il pagamento differito dei diritti doganali per il periodo dal 13 luglio 2013 al 12 gennaio 2014, ai sensi dell’art. 79 del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale (d.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43). Si ricorda che ai sensi di tale norma, per il pagamento differito effettuato oltre il periodo di giorni trenta, si rende applicabile un interesse fissato semestralmente con decreto del Ministro delle finanze sulla base del rendimento netto dei buoni ordinari del Tesoro a tre mesi…

Leggi tutto l’articolo

Agenzia delle Dogane, nuove funzionalità in AIDA nella digitalizzazione dei processi doganali

Con la nota prot. 103595/RU del 4 settembre 2013  l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli informa gli operatori che, nel proseguire il percorso per la completa digitalizzazione dei processi doganali, nell’ambito delle attività previste nel Piano Tecnico di automazione 2013 sono state implementate nuove funzionalità in AIDA per l’adeguamento della procedura “IM” definita con la circolare 16/D del 12 Novembre 2012. Le modifiche introdotte riguardano il nuovo layout del prospetto di svincolo rilasciato agli operatori economici, concertato con il Comando Generale della Guardia di Finanza, con lo scopo di agevolare e velocizzare il riscontro della merce in uscita dagli spazi doganali. Nessuna variazione è invece stata apportata ai profili utente…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Nuovo tasso di interesse semestrale per il pagamento differito dei diritti doganali

settembre 9, 2013 scritto da ·

Il decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze 25 luglio 2013 fissa il nuovo tasso di interesse semestrale per il pagamento differito dei diritti doganali per il periodo dal 13 luglio 2013 al 12 gennaio 2014, ai sensi dell’art. 79 del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale (d.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43). Si ricorda che ai sensi di tale norma, per il pagamento differito effettuato oltre il periodo di giorni trenta, si rende applicabile un interesse fissato semestralmente con decreto del Ministro delle finanze sulla base del rendimento netto dei buoni ordinari del Tesoro a tre mesi. Il nuovo saggio di interesse per il pagamento differito effettuato oltre il periodo di giorni trenta è stabilito nella misura dello 0,213%.

Allegati: Ministero Finanze – 2013 – Decreti – 25072013

Newsletter N. 9 del 15.04.2013

aprile 15, 2013 scritto da ·

Integrazione dei sistemi E.C.S. ed E.M.C.S. per la generazione automatica della nota di esportazione

Con la nota prot. 40194 RU del 29.03.2013, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli fornisce informa che nel realizzare le procedure previste dalla “Fase-3” del progetto comunitario EMCS (Excise Movement Control System), è stata effettuata una razionalizzazione ed integrazione di taluni processi doganali e accise e alla digitalizzazione della nota di esportazione, come dettagliato nella nota. Al fine di limitare l’impatto sugli operatori e gli uffici, si è provveduto al contemporaneo adeguamento dei tracciati record alle previsioni del Regolamento UE 1221/2012, e ad anticipare taluni controlli previsti dalla Fase 3.1…

Leggi tutto l’articolo

Modalità di ripartizione delle spese di riscossione per procedure semplificate 

Autorizzazioni uniche europee alle procedure semplificate per il regime di Importazione, fissate le modalità di ripartizione delle spese di riscossione tra gli Stati membri coinvolti nelle relative operazioni . A stabilire tali modalità è il decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze 1° febbraio 2013. Il regolamento (CEE) n. 2454/93 della Commissione, del 2 luglio 1993, cosi come modificato dal regolamento (CE) n. 1192/2008 della Commissione, del 17 novembre 2008, ha istituito come noto la cd. autorizzazione unica per la procedura di dichiarazione semplificata e la procedura di domiciliazione

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Modalità di ripartizione delle spese di riscossione per procedure semplificate

aprile 15, 2013 scritto da ·

Autorizzazioni uniche europee alle procedure semplificate per il regime di Importazione, fissate le modalità di ripartizione delle spese di riscossione tra gli Stati membri coinvolti nelle relative operazioni

A stabilire tali modalità è il decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze 1° febbraio 2013. Il regolamento (CEE) n. 2454/93 della Commissione, del 2 luglio 1993, cosi come modificato dal regolamento (CE) n. 1192/2008 della Commissione, del 17 novembre 2008, ha istituito come noto la cd. autorizzazione unica per la procedura di dichiarazione semplificata e la procedura di domiciliazione di cui all’art. 76, paragrafo l, del regolamento (CEE) n. 2913/92, del12 ottobre 1992.

In seguito, la Convenzione relativa allo sdoganamento centralizzato del 10 marzo 2009, concernente l’attribuzione delle spese di riscossione nazionali trattenute allorché le risorse proprie tradizionali sono messe a disposizione del bilancio dell’UE (ratificata dall’Italia con la legge 3 febbraio 2011, n. 7), ha stabilito che la quota dei diritti doganali destinata allo Stato dove avviene l’operazione di importazione va ripartita, in parti uguali, tra gli Stati membri coinvolti nella medesima operazione.

L’art. 1, comma 3, della Convenzione relativa allo sdoganamento centralizzato, stabilisce che le procedure indicate nella medesima Convenzione si applicano anche alle autorizzazioni uniche. Di conseguenza, il Ministro dell’Economia e delle finanze, ha provveduto ad individuare, con il decreto in commento, le procedure contabili e fiscali necessarie a dare applicazione all’istituto delle autorizzazioni uniche alle procedure semplificate per il regime di importazione ed in particolare per lo scambio di informazioni e la ripartizione delle spese di riscossione tra gli Stati membri beneficiari ai sensi della Convenzione.

A tale proposito, viene stabilito che in applicazione della Convenzione, gli importi afferenti alle spese di riscossione connesse con operazioni doganali nazionali sono riconosciuti a favore degli Stati membri beneficiari, in misura pari alla percentuale prevista all’art. 4 della medesima Convenzione (50%). L’Agenzia delle Dogane, entro il giomo 20 di ciascun mese solare, rende disponibili all’Ispettorato Generale per i Rapporti Finanziari con l’Unione Europea del Ministero dell’Economia e delle finanze – Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato (IGRUE) le informazioni, con riferimento alle operazioni doganali nazionali effettuate nel mese solare precedente, concernenti gli importi di cui all’art. 3, paragrafo l della Convenzione e necessarie per i successivi riversamenti agli Stati membri beneficiari, indicando, per ciascuno di tali Stati, le somme complessivamente da attribuire.

L’IGRUE, sulla base delle indicazioni ricevute dall’Agenzia delle Dogane ai sensi del comma 2, provvede ai conseguenti trasferimenti in favore degli Stati beneficiari dando notifica ai medesimi Stati dell’avvenuta operazione. L’IGRUE provvede, altresì, a comunicare con cadenza mensile l’avvenuto trasferimento degli importi.

Allegati: Ministero Finanze – 2013 – Decreti – 1022013

Nuovo tasso di interesse semestrale per il pagamento differito dei diritti doganali

aprile 15, 2013 scritto da ·

Il decreto del Ministro dell’Economia e delle finanze 20 febbraio 2013 fissa il nuovo tasso di interesse semestrale per il pagamento differito dei diritti doganali per il periodo dal 13 gennaio 2013 al 12 luglio 2013, ai sensi dell’art. 79 del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale (d.P.R. 23 gennaio 1973, n. 43). Si ricorda che ai sensi di tale norma, per il pagamento differito effettuato oltre il periodo di giorni trenta, si rende applicabile un interesse fissato semestralmente con decreto del Ministro delle finanze sulla base del rendimento netto dei buoni ordinari del Tesoro a tre mesi. Il nuovo saggio di interesse per il pagamento differito effettuato oltre il periodo di giorni trenta è stabilito nella misura dello 0,669 %.

Allegati: Ministero Finanze – 2013 – Decreti – 20022013

Pagina successiva »