Newsletter N. 33 del 1.12.2014

dicembre 1, 2014 scritto da ·

Appuramento semplificato del regime di perfezionamento attivo  per gli aeromobili militari

L’Agenzia delle Dogane, con la nota n. 131454 del 27 novembre 2014, informa che il Regolamento di esecuzione (UE) n.1223 del 14.11.2014 della Commissione ha modificato l’art.544 parag. c) del Reg. CEE 2454/93 estendendo anche agli aeromobili militari la modalità di appuramento semplificato del regime di perfezionamento attivo attualmente prevista solo per gli aeromobili civili (vedasi la Newsletter CNSD n. 32/2014)…

Leggi tutto l’articolo

Implementazione degli accordi di mutuo riconoscimento dei programmi AEO

Con comunicato del 20.11.2014 l’Agenzia delle Dogane informa che sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea, Serie L.56/I del 26.02.2014, è stato pubblicato il Regolamento di esecuzione (UE) N. 174/2014 recante modifica del regolamento (CEE) n. 2454/93 che fissa talune disposizioni d’applicazione del Reg. (CEE) 2913/92 del Consiglio che istituisce il codice doganale comunitario, per quanto riguarda l’identificazione delle persone nell’ambito degli accordi di riconoscimento reciproco degli AEO…

Leggi tutto l’articolo  Leggi tutto

Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea

dicembre 1, 2014 scritto da ·

Legge 30 ottobre 2014, n. 161 (Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea) – Legge europea 2013-bis.: con comunicato del 24.11.2014 l’Agenzia delle Dogane informa che dal 25.11.2014 entra in vigore la legge 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013 – bis) – pubblicata sulla G.U. n. 261 del 10.11.2014, supplemento ordinario n. 83 il cui art.10 ha dettato disposizioni in materia di “riscossione coattiva dei debiti aventi ad oggetto entrate che costituiscono Risorse proprie ai sensi della decisione 2007/436/CE, Euratom del Consiglio” intervenendo su alcune disposizioni della Legge 24 dicembre 2012 n 228 (legge finanziaria 2013) e sull’art.68 del D.lgs.31 dicembre 1992,n.546. Leggi tutto

Dazi soggetti a recupero: prima va effettuata la contabilizzazione e poi la comunicazione al debitore

giugno 13, 2010 scritto da ·

Con sentenza della Seconda Sezione del 28 gennaio 2010 (Causa C-264/08), la Corte di Giustizia UE precisa che l’art. 221, n. 1, del codice doganale comunitario, deve essere interpretato nel senso che la «contabilizzazione» dell’importo dei dazi da recuperare va distinta dall’iscrizione dei dazi registrati nella contabilità delle risorse proprie prevista dall’art. 6 del regolamento (CE, Euratom) del Consiglio 22 maggio 2000, n. 1150.

Dal momento che l’art. 217 CDC non prescrive modalità pratiche per effettuare tale contabilizzazione, essa deve essere effettuata in modo tale da assicurare che l’autorità doganale competente iscriva l’importo esatto dei dazi all’importazione o dei dazi all’esportazione risultante da un’obbligazione doganale nei registri contabili o su qualsiasi altro supporto in loro luogo, per consentire in particolare che la contabilizzazione degli importi interessati sia effettuata con certezza, anche nei confronti del debitore.

La comunicazione al debitore da parte dell’autorità doganale dell’importo dei dazi dovuti può essere validamente effettuata solo se l’importo di tali dazi è stato preliminarmente contabilizzato dalla suddetta autorità. Gli Stati membri coimunque, non sono tenuti ad adottare norme di procedura specifiche circa le modalità secondo le quali deve aver luogo la comunicazione al debitore dell’importo di tali dazi, dal momento che a detta comunicazione possono essere applicate norme di procedura interne di portata generale che garantiscano un’informazione adeguata del debitore e gli consentano di assicurare, con piena cognizione di causa, la difesa dei suoi diritti.

Allegati: Corte – 2010 – Causa C264_08 – Causa – 27092008, Corte – 2010 – Causa C264_08 – Sentenza – 11032010