La violazione “dell’obbligo formativo” costituisce illecito disciplinare, ai sensi dell’art. 7,p. 1, D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137

aprile 29, 2013 scritto da ·

È pubblicata, allegata alla presente,  la comunicazione n.14 del 16 maggio 2013 del Centro Studi e Servizi del Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali nella quale, tra l’altro, si afferma:

L’attività formativa e-learning, unitamente alla formazione periferica (erogata da organismi autorizzati), dovrà essere curata in maniera continuata e costante per garantire la qualità e l’efficienza delle prestazioni professionali, nel miglior interesse dell’utente e della collettività.

Pertanto, codesti Consigli compartimentali dovranno vigilare sul corretto assolvimento “dell’obbligo formativo” da parte degli iscritti, non tralasciando le attività di controllo sulla regolarità del “tirocinio professionale”.

La violazione “dell’obbligo formativo” costituisce illecito disciplinare, ai sensi dell’art. 7, p. 1, D.P.R. 7 agosto 2012, n. 137.

Si ricorda che ai sensi del regolamento per la Formazione Professionale, ciascun Doganalista ha l’obbligo di acquisire annualmente 30 crediti formativi professionali: la formazione a distanza (potete trovare qui tutte le informazioni necessarie per l’iscrizione) consente di acquisire tutti e 30 i cfu semplicemente collegandosi da un qualsiasi computer, 24h/24h, da qualsiasi postazione.

Leggi l’intera comunicazione