Documento Amministrativo Unico – Codifica della documentazione presentata a sostegno della dichiarazione doganale

giugno 14, 2015 scritto da ·

dichiarazioni intentoCon la nota prot. 59601 del 20 maggio 2015, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli fornisce una serie di chiarimenti in merito alla documentazione da presentare a sostegno delle dichiarazioni doganali, in particolare per quanto riguarda le dichiarazioni di esportazione con diritto alla restituzione, per le quali è avvenuto di recente un aggiornamento dei codici identificativi dei relativi documenti e dichiarazioni a sostegno.

Dopo aver ricordato che la normativa unionale afferente le esportazioni con diritto alla restituzione è disciplinata sia dal Reg. (CE) n. 612/2009 sia dalla specifica normativa verticale del settore merceologico, ove previsto, l’Agenzia evidenzia come tra i vari adempimenti a carico degli operatori vi sia quello di indicare sul Documento Amministrativo Unico (DAU) la pertinente documentazione/dichiarazione da presentare all’atto della registrazione della dichiarazione doganale di esportazione.

Le anzidette informazioni devono essere indicate nella casella 44 del DAU e, ove previsto, nella casella 106 dell’esemplare di controllo T/5. Sul sito dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (piattaforma AIDA, alla voce “Tariffa doganale – Taric” – menù principale – certificati) può essere visualizzato l’elenco delle predette informazioni certificati/documenti, che sono stati codificati ed inseriti nella banca dati Taric.

Per ciò che attiene le restituzioni all’esportazione, il predetto elenco è stato aggiornato come segue:

 

Codice Descrizione
02CR Dichiarazione di merce sana, leale, mercantile (art. 28 Reg. (CE) n. 612/09
03CR Dichiarazione dell’origine della merce (art. 12 par. 2 Reg. (CE) n. 612/09
04CR Dichiarazione dell’origine dei prodotti composti e dei relativi componenti (art. 12 par. 4 Reg. (CE9 n.612/09
05CR Dichiarazione di non trasbordo in caso di esportazione via mare (art. 10 par. 1 lett. B Reg. (CE) n. 612/09
06CR Dichiarazione di trasbordo in caso di esportazione via mare (art. 10 par. 1 lett. B Reg. (CE) n. 612/09

 

Per i sopraindicati codici, da citare sul DAU a fronte di ogni singolo, devono essere compilati i campi relativi all’anno ed al paese.

La Nota dell’ Agenzia Dogane è disponibile al seguente link

Newsletter N.9 del 14.04.2014

aprile 14, 2014 scritto da ·

Settore d’imposta del vino. Disciplina della circolazione. Documento di trasporto MVV

Con la circolare n. 3/D del 7 aprile 2014, l’Agenzia delle dogane detta le linee direttrici relative a l documento di scorta del trasporto di vino MVV. Come noto, il regime impositivo del settore del vino è caratterizzato, in ragione della vigenza dell’aliquota di accisa zero, da particolari disposizioni che si pongono in deroga ai vincoli di circolazione nazionale propri della disciplina dell’accisa. Tale peculiare livello di tassazione, infatti, pur senza far venir meno la rilevanza fiscale del prodotto in esame, giustifica la previsione di minori adempimenti relativamente ai documenti di accompagnamento del vino per i trasporti che si esauriscono sul territorio nazionale. In tal senso, la circolare richiama…

Leggi tutto l’articolo

Istruzioni per la compilazione della dichiarazione doganale di importazione con regime 42 o 63

Con Comunicato dell’1/04/2014, l’Agenzia delle Dogane informa che, al fine di agevolare la corretta compilazione della dichiarazione doganale ed assicurare il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa per l’applicazione del regime di immissione in libera pratica con destinazione delle merci al consumo in altro Stato membro, sono stati introdotti nuovi controlli automatizzati che saranno operativi dall’8 aprile 2014. Nel rinviare, per quanto riguarda i dettagli, alla nota prot. 3540 RU del 01.04.2014, l’allegato al comunicato ribadisce che…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Istruzioni per la compilazione della dichiarazione doganale di importazione con regime 42 o 63

aprile 14, 2014 scritto da ·

Con Comunicato dell’1/04/2014, l’Agenzia delle Dogane informa che, al fine di agevolare la corretta compilazione della dichiarazione doganale ed assicurare il rispetto dei requisiti previsti dalla normativa per l’applicazione del regime di immissione in libera pratica con destinazione delle merci al consumo in altro Stato membro, sono stati introdotti nuovi controlli automatizzati che saranno operativi dall’8 aprile 2014. Nel rinviare, per quanto riguarda i dettagli, alla nota prot. 3540 RU del 01.04.2014, l’allegato al comunicato ribadisce che:

nel Box 8 va indicato il codice EORI dell’importatore ( rilasciato dallo stato membro che lo ha attribuito)

nel Box 44 va indicato sempre un documento con codice ”Y041”. Inoltre andrà indicato, a seconda del caso, uno dei documenti “Y040” o “Y042”. Le uniche combinazioni possibili sono, quindi:

“Y041” e “Y040” oppure “Y041” e “Y042”

Potrà essere anche indicato il documento Y044 (elemento facoltativo)

Nel Box 47 non possono essere indicati i codici tributo 406 e 407

Per quanto riguarda la casella 44 del DAU, vengono forniti i seguenti codici:

Y041: Numero d’identificazione IVA del cliente che è debitore dell’imposta sull’acquisto intracomunitario di beni conformemente all’articolo 200 della direttiva IVA. A fronte del codice documento Y041 occorre fornire le seguenti informazioni:

–      Codice paese: Il codice Paese del documento deve essere un paese comunitario diverso da “IT” e deve essere coincidente con quanto indicato nella box 17 del DAU.

–      Identificativo (numero identificativo IVA valido del debitore dell’imposta nello stato membro di destinazione delle merci)

Y040: Numero d’identificazione IVA rilasciato nello Stato membro d’importazione per l’importatore designato o riconosciuto come debitore dell’imposta a norma dell’articolo 201 della direttiva IVA. A fronte del codice documento Y040 occorre fornire le seguenti informazioni:

Codice paese: “IT” e Identificativo: va indicato un numero identificativo IVA valido attribuito in Italia all’importatore (la relativa verifica può essere effettuata tramite la banca dati UE VIES)

Y042 Numero d’identificazione IVA attribuito al rappresentante fiscale nello Stato membro d’importazione. A fronte del codice documento Y042 occorre fornire le seguenti informazioni:

Codice paese: “IT”

Identificativo: numero identificativo IVA valido del rappresentante fiscale Italiano dell’importatore.

Y044 Prova che i beni importati sono destinati ad essere spediti o trasportati a partire dallo Stato membro di importazione verso un altro Stato membro. A fronte del codice documento Y044 occorre fornire le seguenti informazioni:

Identificativo: l’identificativo del numero del documento/contratto di trasporto

Allegati:

Agenzia Dogane – Comunicazioni – 1042014

Agenzia Dogane – Comunicazioni – 1042014 – Allegato

Documentazione presentata a corredo della dichiarazione doganale – chiarimenti

gennaio 20, 2014 scritto da ·

La nota Prot. 1328-RU del 9 gennaio 2014 dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Documentazione presentata a corredo della dichiarazione doganale) è stata emessa a chiarimento di alcuni dubbi presentati da taluni uffici doganali circa la documentazione da presentare a corredo della dichiarazione doganale richiamata nella casella 44 del DAU.

In taluni casi infatti, il vincolo ad un determinato regime doganale di taluni beni o l’accesso ad un trattamento tariffario particolare, possono essere subordinati alla presentazione all’autorità doganale di un certificato, di un documento o di un’autorizzazione specifica. Qualora non ricorra tale circostanza (per cui nessun certificato, documento o autorizzazione è richiesto), dovranno essere indicati nella casella 44 del DAU, uno o più codici cd. “di esclusione” (solitamente quelli della serie Y, es.: Y922 = altri prodotti non contenenti pelliccia di cane e di gatto in conformità del Reg.to CE n.1523/2007, Y900 = bene dichiarato non è incluso nella Convenzione di Washington – CITES; Y901 merci non incluse nell’elenco dei beni a duplice uso di cui al Reg.CE 428/2009, ecc.); tali codici di esclusione indicano sostanzialmente che non sussistono le condizioni che rendono necessari certificati o autorizzazioni. Leggi tutto

Newsletter N. 17 del 15.07.2013

luglio 13, 2013 scritto da ·

AIDA: nuovi codici autorizzazione e i nuovi codici luogo

Con la nota prot. n. 84219 del 10/07/2013, l’Agenzia delle Dogane informa che a seguito degli adeguamenti apportati al sistema AIDA per l’estensione dello Sportello unico doganale alle procedure domiciliate,  a partire dalle ore 7,30 del  23 luglio 2013, dovranno essere indicati nelle dichiarazioni doganali in procedura domiciliata/semplificata i nuovi codici autorizzazione e i nuovi codici luogo. Da tale momento sarà infatti resa operativa la nuova  banca dati delle autorizzazioni alla procedura domiciliata/semplificata. Pertanto, con la stessa decorrenza, vanno indicati nelle dichiarazioni doganali in procedura domiciliata/semplificata i nuovi codici autorizzazione e i nuovi codici luogo, già comunicati ai titolari delle autorizzazioni dagli Uffici territoriali…

Leggi tutto l’articolo

Attivazione di controlli di “credibilità” delle dichiarazioni doganali

Con comunicato del 28 giugno 2013 l’Agenzia delle Dogane informa che la Commissione ((DG Taxud) ha recentemente  integrato nella Taric, a fronte di talune posizioni tariffarie, specifiche misure di controllo visualizzabili come “dichiarazione nella sottovoce  soggetta a restrizioni”. Tali misure sono finalizzate a migliorare la qualità delle dichiarazioni doganali, subordinandone l’accettazione al rispetto dei parametri eventualmente presenti nel testo legale della Nomenclatura combinata/Taric (es. codice 0105 1111 00 “..di peso inferiore o uguale a 185 grammi”). I controlli in questione, che opereranno al momento dell’accettazione della dichiarazione doganale, verificheranno l’ammissibilità del codice merce dichiarato nella casella 33 del DAU con il contenuto  delle caselle relative alla massa netta/unità supplementare (caselle 38/41) o del valore statistico/unità supplementare (caselle 46/41). In caso di incongruenza la dichiarazione non sarà accettata e l’operatore riceverà un messaggio relativo ai campi incoerenti del DAU…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Pagina successiva »