Codice doganale aggiornato, rinviata la data di applicazione

giugno 24, 2013 scritto da ·

L’art. 188 del Codice Doganale Aggiornato (Regolamento (CE) n. 450/2008 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2008), entrato in vigore il 24 giugno 2008, prevede che le disposizioni del nuovo codice saranno applicabili soltanto quando le sue disposizioni di attuazione sono applicabili e al più tardi il 24 giugno 2013. Il Regolamento (UE) N. 528/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 giugno 2013 prende atto dell’impossibilità di rispettare tale data, anche perché il 20 febbraio 2012 la Commissione ha presentato una nuova proposta di regolamento che istituisce il codice doganale dell’Unione, destinata a sostituire il Reg. 450/2008. Siccome, il Codice doganale del’Unione non potrà essere adottato a breve, si è voluto evitare che il regolamento (CE) n. 450/2008 diventasse applicabile il 24 giugno 2013, in quanto ciò provocherebbe una situazione di incertezza giuridica riguardo alla normativa doganale effettivamente applicabile a partire da quella data.

Al fine di evitare tali gravi difficoltà, il Regolamento (UE) N. 528/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 12 giugno 2013 posticipa la data finale per l’applicazione del regolamento (CE) n. 450/2008 al 1° novembre 2013.

Allegati: Consiglio d’ Europa – Regolamenti – 528 -12062013

Newsletter N. 11 del 6.05.2013

maggio 4, 2013 scritto da ·

Contabilizzazione dei dazi — Modalità pratiche

Con sentenza della Quinta Sezione dell’8 novembre 2012 (Causa C-351/11), la Corte di Giustizia dell’UE, nel pronnunciarsi su una domanda di pronuncia pregiudiziale del Tribunale di primo grado di Antwerpen, fornisce alcuni chiarimenti interpretativi sull’articolo 217, paragrafo 2, del regolamento (CEE) n. 2913/92 del Consiglio, del 12 ottobre 1992 (codice doganale comunitario). La norma in questione, precisa la Corte, deve essere interpretata…

Leggi tutto l’articolo

Recupero dei dazi all’importazione: sentenza della Suprema Corte

Con sentenza della Prima Sezione dell’8 novembre 2012 (Causa C-438/11), la Corte di Giustizia dell’UE precisa la portata del concetto di «certificato basato su una situazione fattuale inesatta riferita dall’esportatore» di cui all’articolo 220, paragrafo 2, lettera b), del codice doganale comunitario.
In particolare, la Corte stabilisce che…

Leggi tutto l’articolo

Leggi tutto

Recupero dei dazi all’importazione: sentenza della Suprema Corte

maggio 4, 2013 scritto da ·

Con sentenza della Prima Sezione dell’8 novembre 2012 (Causa C-438/11), la Corte di Giustizia dell’UE precisa la portata del concetto di «certificato basato su una situazione fattuale inesatta riferita dall’esportatore» di cui all’articolo 220, paragrafo 2, lettera b), del codice doganale comunitario.
In particolare, la Corte stabilisce che l’articolo in questione va interpretato nel senso che nell’ipotesi in cui le autorità competenti dello Stato terzo si trovano nell’impossibilità di verificare in sede di controlli a posteriori, se il certificato d’origine «Form A» da esse rilasciato si basi su una situazione fattuale riferita in maniera esatta dall’esportatore – per via del fatto che questo ha cessato la sua produzione – si genera un’inversione dell’onere della prova, per cui spetta al debitore di dimostrare che tale certificato si basa su una situazione fattuale riferita da egli in maniera esatta.

Allegati: Corte – 2013 – Causa C438_11 – Domanda di pronuncia -26.08.2011 ,  Corte – 2013 – Causa C438_11 – Sentenza -8.11.2012

Newsletter N. 8 del 1.04.2013

aprile 1, 2013 scritto da ·

 Prodotti originari della Cina: sorveglianza, controlli e le misure da adottare in relazione ai materiali da imballaggio in legno per talune merci

Con comunicato del 27.03.2013, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli informa che a decorrere dal 1° aprile 2013, nelle operazioni di importazione delle merci di cui alla voci 2514, 2515, 2516, 6801 e 6802, originarie della Cina, in caso di presenza di un nulla osta fitosanitario sarà obbligatorio, per la corretta compilazione della casella 44 del DAU inserire i seguenti dati…

Leggi tutto l’articolo

Trasformazione delle merci in regime di perfezionamento attivo: sentenza della Corte di giustizia UE

Con sentenza della prima sezione dell’8 novembre 2012 (Causa C-165/11), la Corte di Giustizia dell’UE fornisce una lettura combinata degli articoli 3, paragrafo 3, 37, paragrafo 2, 79, 84, 98, 114 e 166 del codice doganale comunitario (Reg. 2913/92), nonché degli articoli 2, 3, 5, paragrafo 1, 7, 10, 16 e 33 bis, della sesta direttiva IVA (Direttiva 77/388/CEE del 17 maggio 1977), e dell’articolo 1, punto 7, delle disposizioni d’applicazione del Codice Doganale Comunitario (Reg. 2454/93). La vicenda trattata riguardava il caso di merci collocate, a seguito della loro importazione da uno Stato terzo, in un deposito doganale pubblico in uno Stato membro dell’UE, per essere ivi trasformate in regime di perfezionamento attivo nella forma del sistema della sospensione ed infine cedute in quello stesso deposito…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Newsletter N. 30 del 13 Dicembre 2010

dicembre 13, 2010 scritto da ·

Sistema di preferenze tariffarie generalizzate: modifiche al Regolamento (CEE) n. 2454/93 (DAC)

In virtù del Regolamento (CE) n. 732/2008 del Consiglio, del 22 luglio 2008, relativo all’applicazione di un sistema di preferenze tariffarie generalizzate per il periodo dal 1° gennaio 2009 al 31 dicembre 2011, l’Unione europea concede preferenze commerciali ai paesi in via di sviluppo nell’ambito del sistema di preferenze tariffarie generalizzate (cd. «SPG»)…
Leggi tutto l’ articolo

Maldive fuori dall’elenco dei paesi beneficiari del regime speciale a favore dei paesi meno sviluppati previsto dal regolamento SPG

Il Regolamento (CE) n. 732/2008 del Consiglio, del 22 luglio 2008, relativo all’applicazione di un sistema di preferenze tariffarie generalizzate (SPG) per il periodo dal 1° gennaio 2009 al 31 dicembre 2011 (vedasi news precedente) indica la Repubblica delle Maldive come uno dei paesi beneficiari del regime speciale a favore dei paesi meno sviluppati nell’ambito del sistema di preferenze tariffarie generalizzate dell’Unione…
Leggi tutto l’ articolo

Leggi tutta la Newsletter

Pagina successiva »