Newsletter N. 16 del 25 giugno 2012

giugno 25, 2012 scritto da ·

Procedura domiciliata H23 per soggetti AEO

Con la nota prot. 78736/RU del 22 giugno 2012, l’Agenzia delle Dogane, nel richiamare la circolare 22/D del 26 novembre 2009, informa che il servizio di sdoganamento telematico per le operazioni in procedura domiciliata è disponibile H23 presso gli uffici che assicurano un’operatività estesa alle 24 ore. Presso i rimanenti uffici, il servizio è disponibile dall’orario di apertura sino all’ora in cui termina l’operatività dell’ufficio controlli, anticipata di un numero di minuti pari a quelli del tempo di intervento – registrato sugli archivi di AIDA – relativo al luogo autorizzato indicato nella dichiarazione…

Leggi tutto l’articolo

Adeguamento dell’assetto organizzativo degli uffici e delle direzioni centrali

Con la Determinazione direttoriale n° 15792 del 19 giugno 2012, l’Agenzia delle Dogane illustra la nuova struttura organizzativa degli uffici dirigenziali della sede centrale, definita in base al decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165, che prevede che le pubbliche amministrazioni procedano periodicamente alla ridefinizione degli uffici e delle dotazioni organiche con l’obiettivo di accrescere l’efficienza dell’organizzazione, realizzare la migliore utilizzazione delle risorse umane e razionalizzare il costo del lavoro pubblico, contenendo la spesa complessiva per il personale, diretta e indiretta…

Leggi tutto l’articolo  Leggi tutto

Semplificazione adempimenti doganali, rilascio automatizzato dei Certificati P2

giugno 25, 2012 scritto da ·

Con la nota prot. 61395/RU del 18 giugno 2012, l’Agenzia delle Dogane riprende la circolare 8/D dello scorso 9 maggio 2012, con cui erano state diramare le istruzioni per gli operatori economici interessati al rilascio del Certificato P2 (Certificate for the export of the pasta to the USA), necessario per lo sdoganamento di pasta alimentare verso gli Stati Uniti d’America (cfr. Reg. CE n. 88/2007 del 12 dicembre 2006), per fornire alcune precisazioni circa le nuove modalità operative di rilascio di detti certificati che scatteranno dal prossimo 2 luglio. A tal fine, sul sito web dell’Agenzia è stato reso disponibile un videoclip multimediale che illustra il nuovo processo e le semplificazioni per gli operatori nella richiesta del certificato in oggetto.
Ulteriori dettagli operativi, completi della normativa di riferimento e delle FAQ sono pubblicati sul sito www.agenziadogane.gov.it, nella sezione “Servizi”, seguendo il percorso “Certificati P2”.
In caso di malfunzionamenti tecnici occorre fare riferimento a quanto già specificato al riguardo con le note prot. nr.75522 R.U del 19 giugno 2009 (lettera G “Procedure di soccorso”) e prot. nr. 88970 R.U. del 30 giugno 20092 (al paragrafo 1.2 “ECS Fase 2. Procedura di “fall-back” o procedura di soccorso”) aventi come oggetto “Nuove regole sulla presentazione della dichiarazione di esportazione ed avvio della seconda fase dell’ ECS (Export Control System)”.
In particolare, per quanto concerne le esportazioni interessate al rilascio dei certificati P2, all’atto della presentazione della dichiarazione:
– se il sistema informatico dell’Agenzia non è funzionante, la dichiarazione dovrà essere presentata osservando la procedura cartacea alternativa, allegando a quest’ultima i modelli cartacei del certificato P2 debitamente compilati. L’ufficio, dopo aver controllato la corretta compilazione delle caselle n. 1,2,4,5,6,7 e 8 del modello, con l’esatta indicazione delle voci della nomenclatura combinata della Tariffa Doganale ed aver barrato nella casella 10 l’annotazione se le merci beneficiano o meno di restituzioni all’esportazione (attualmente tale restituzione non è prevista), contrassegna il certificato con un numero d’ordine annuale progressivo composto come segue: numero progressivo composto da 4 cifre/anno/codice identificativo dell’ufficio.
– nel caso in cui non sia funzionante l’applicazione informatica dell’operatore economico, va presentata la dichiarazione cartacea o la dichiarazione cartacea accompagnata dai dati di quest’ultima registrati preventivamente su supporto informatico, secondo il tracciato del messaggio ET (cfr. Appendice del manuale utente del servizio telematico: “Tracciati record Dichiarazioni Doganali tracciati unificati”) e preceduti dai campi previsti per la presentazione su floppy disk (cfr. Assistenza online per i servizi dell’Agenzia delle Dogane). In questo caso il certificato P2 verrà rilasciato utilizzando la nuova numerazione secondo la struttura “ITANNONUMERO”.
Per quanto riguarda le richieste di assistenza da parte degli operatori economici e degli uffici, le relative modalità, le quali includono eventuali segnalazioni di anomalie e malfunzionamenti, sono pubblicate nella sezione “Assistenza on-line” – “Come fare per …. Richiedere assistenza” del sito internet dell’Agenzia delle Dogane.

Allegati:Agenzia Dogane – Nota – 61395RU – 18062012

Newsletter N. 12 del 14 maggio 2012

maggio 12, 2012 scritto da ·

Utilizzo di autoveicoli immatricolati in Svizzera da parte di soggetti residenti in Italia 

Con comunicazione Prot. 56256 /RU del 7 maggio 2012, l’Agenzia delle Dogane informa che a seguito della pubblicazione, da parte di alcuni organi di stampa, di una serie di articoli in materia di utilizzo nell’UE di autoveicoli immatricolati in Svizzera da parte di soggetti residenti in Italia, si rende necessario un intervento volto a fornire chiarezza sull’argomento, al fine di consentire agli interessati il rispetto della norma.

Leggi tutto l’articolo

Ottenimento Status di Operatore Economico Autorizzato: modifiche alla documentazione richiesta

Con la Circolare 10/D  dell’11 maggio 2012, l’Agenzia delle Dogane informa che in ottemperanza alle modifiche introdotte dall’art. 15, comma 1, della Legge 12 novembre 2011, n. 183 /recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato, cd. “legge di stabilità 2012”), il certificato camerale, previsto dalla circolare 36/D del 28.12.2007, richiesto ai fini dell’ottenimento della certificazione AEO, non è più richiesto…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Semplificazione adempimenti doganali, rilascio automatizzato dei Certificati P2

maggio 12, 2012 scritto da ·

La Circolare 8/D del 9 maggio 2012, l’Agenzia delle Dogane fornisce un nuovo quadro delle modalità operative da porre in essere da parte degli operatori economici interessati al rilascio dei certificati P2 (Certificate for the export of pasta to the USA), di cui all’art. 2 del Regolamento CE 88/2007 del 12/12/2006, il quale sostituisce le precedenti istruzioni dettate con circolare n. 21/D del 10 novembre 2009, prot.n.134201/RU.

Come è noto il certificato denominato P2, composto da un originale e tre copie, introdotto con apposita regolamentazione comunitaria a seguito dell’adozione di specifici accordi tra l’Unione Europea e gli Stati Uniti d’America, accompagna l’esportazione verso gli USA di paste alimentari di cui ai codici NC 1902 11 00 e 1902 19 della Tariffa doganale e viene rilasciato dall’Agenzia delle Dogane.

A decorrere dal 2 luglio 2012, l’operatore economico che intenda chiedere il rilascio di tale certificato (in luogo dell’istanza cartacea, finora presentata all’Ufficio delle Dogane competente per territorio, in relazione alla sede legale della Ditta), dovrà solo indicare il codice documento “C012” nella casella 44.7 del singolo della dichiarazione di esportazione verso gli USA di pasta alimentare di cui ai codici NC 1902 11 00 e 1902 19.

L’indicazione del suddetto codice, obbligatoria per ogni singolo interessato all’esportazione di cui sopra, determina l’emissione da parte del sistema informatico doganale – AIDA – di un certificato P2 recante fedelmente i dati esposti in dichiarazione.

Qualora non venga indicato il codice documento “C012” nel campo 44.7, il sistema non accetterà la dichiarazione di esportazione, segnalando il rifiuto con apposito messaggio di errore, pur in presenza delle condizioni per cui si rende necessario il rilascio del certificato P2.

Al certificato P2 viene attribuita una numerazione unica progressiva nazionale per ciascun anno solare. Per il 2012 la numerazione in questione inizierà dal 2 luglio. Al fine di evidenziare il collegamento tra la dichiarazione doganale ed il certificato, il numero ad esso attribuito viene anche riportato, per ogni singolo interessato, in corrispondenza del codice C012.

Per ritirare il certificato P2 – originale e Copy 1 – l’operatore economico dovrà recarsi, presso l’Ufficio delle Dogane di emissione della dichiarazione di esportazione che, sulla base del MRN comunicato dal medesimo, provvederà alla stampa e al rilascio del certificato stesso debitamente firmato e timbrato.

A far data dal 2 luglio 2012 i certificati rilasciati in applicazione della citata circolare n.21/D del 10 novembre 2009 e non utilizzati non saranno più validi.

L’Agenzia fa inoltre presente che la rettifica/revisione di singoli della dichiarazione interessati al rilascio del certificato di cui si tratta, comporta l’emissione di un nuovo certificato conforme alle variazioni apportate alla dichiarazione doganale. La stampa e consegna del nuovo certificato P2 è subordinata alla restituzione degli esemplari eventualmente già in possesso dell’operatore economico. Nessun nuovo documento verrà rilasciato, invece, nel caso in cui la rettifica della dichiarazione non incida su campi rilevanti rispetto al certificato già emesso.

Diversamente, l’annullamento di una dichiarazione di esportazione comporta il contestuale annullamento di tutti gli eventuali certificati P2 correlati; anche in questo caso l’operatore economico dovrà restituire gli esemplari degli eventuali certificati in suo possesso.

Si rappresenta, infine, che per ottenere il rilascio di un “duplicato” l’operatore economico dovrà presentare all’Ufficio delle Dogane di emissione della dichiarazione di esportazione l’originale della denuncia di smarrimento e la ricevuta di pagamento degli oneri dovuti all’Agenzia delle Dogane.

Per le modalità operative di utilizzo della nuova procedura informatica da parte degli uffici doganali si rinvia ad apposito protocollo procedurale di prossima emanazione e alle ulteriori istruzioni che verranno fornite dalla Direzione Centrale Tecnologie per l’Innovazione.

Allegati:  Agenzia Dogane – Crcolari – 8D – 9052012