Newsletter N. 1 del 7 gennaio 2013

gennaio 8, 2013 scritto da ·

Sospese le preferenze tariffarie per alcuni paesi beneficiari del Sistema di Preferenze Generalizzate

Ai sensi del regolamento (UE) n. 978/2012, la Commissione europea dispone la sospensione delle preferenze tariffarie del regime generale del sistema di preferenze generalizzate (SPG) per quanto concerne i prodotti di una sezione SPG originari in un paese beneficiario dell’SPG qualora, per tre anni consecutivi, il valore medio delle importazioni di tali prodotti nell’Unione provenienti da tale paese beneficiario dell’SPG superi le soglie fissate nell’allegato VI di detto regolamento.

Prima dell’applicazione delle preferenze tariffarie previste dal regime generale, la Commissione stabilisce un elenco delle sezioni SPG per le quali le preferenze tariffarie sono sospese nei confronti dei paesi beneficiari dell’SPG. Questo elenco è stabilito sulla base dei dati disponibili il 1° settembre 2012 e dei dati relativi ai due anni precedenti.

Leggi tutto l’articolo 

Miscelazione di oli da gas e combustibili contenenti biodiesel: nuova procedura dalla Commissione

Con la Circolare n.22/D del 28 dicembre 2012, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli illustra le novità del Regolamento (UE) n.1101 del 26.11.2012 della Commissione (pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea Serie L n.327/18 del 27.11.2012), il quale ha modificato l’allegato 72 del Reg. to CEE 2454/93 introducendo due nuovi punti (14a e 14b), riguardanti le operazioni di manipolazioni usuali.  La modifica in questione si è resa necessaria a seguito della variazione tariffaria entrata in vigore il 1° gennaio 2012 (Reg. n.1006/2011, che ha modificato l’allegato I del Reg.to CEE del Consiglio n.2658/87), con la quale è stato introdotto, per fini statistici, un codice di nomenclatura diverso per gli oli da gas e oli combustibili contenenti biodiesel (CNC da 2710 2011 a 2710 2019 e CNC da 2710 2031 a 2710 2039) e gli oli da gas e oli combustibili non contenenti biodiesel (CNC da 2710 1943 a 2710 1948 e da CNC 2710 1962 a 2710 1968)…

Leggi tutto l’articolo  Leggi tutto

Miscelazione di oli da gas e combustibili contenenti biodiesel: nuova procedura dalla Commissione

gennaio 8, 2013 scritto da ·

Con la Circolare n.22/D del 28 dicembre 2012, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli illustra le novità del Regolamento (UE) n.1101 del 26.11.2012 della Commissione (pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea Serie L n.327/18 del 27.11.2012), il quale ha modificato l’allegato 72 del Reg. to CEE 2454/93 introducendo due nuovi punti (14a e 14b), riguardanti le operazioni di manipolazioni usuali.

La modifica in questione si è resa necessaria a seguito della variazione tariffaria entrata in vigore il 1° gennaio 2012 (Reg. n.1006/2011, che ha modificato l’allegato I del Reg.to CEE del Consiglio n.2658/87), con la quale è stato introdotto, per fini statistici, un codice di nomenclatura diverso per gli oli da gas e oli combustibili contenenti biodiesel (CNC da 2710 2011 a 2710 2019 e CNC da 2710 2031 a 2710 2039) e gli oli da gas e oli combustibili non contenenti biodiesel (CNC da 2710 1943 a 2710 1948 e da CNC 2710 1962 a 2710 1968).

Tale variazione tariffaria ha comportato difficoltà soprattutto nell’ipotesi di stoccaggio dei prodotti in questione nello stesso serbatoio all’interno del deposito doganale, in quanto si ottengono delle miscelazioni (involontarie o volontarie) che determinano una classificazione diversa del prodotto ottenuto. Infatti le miscelazioni in oggetto non sono autorizzabili come “manipolazioni usuali”, in base al punto 14 dell’allegato 72 del Reg. CEE 2454/93, in quanto le operazioni in parola sono possibili solo se non comportano un cambiamento del codice di nomenclatura combinata del prodotto ottenuto (a parte le ipotesi in cui ciò è esplicitamente previsto dall’allegato 72 sopra citato).

Al fine di superare tale problematica pertanto, i Servizi della Commissione hanno introdotto i citati punti 14 a) e 14 b) nell’allegato 72 i quali contengono, per tali prodotti, una deroga alla regola sopra indicata.

In particolare, al punto 14 a) è stata prevista la possibilità di Miscelazione di oli contenenti biodiesel con gli oli da gas o gli oli combustibili non contenenti biodiesel (classificati nel capitolo 27 della NC), al fine di ottenere una qualità costante o una qualità richiesta dal cliente, senza cambiare la natura delle merci, anche se ciò comporta una modifica del codice di nomenclatura combinata a otto cifre.

Al punto 14 b) è stata invece prevista la possibilità di miscelare prodotti appartenenti a capitoli diversi anche se in quantità limitate. In particolare, è possibile miscelare gli oli da gas o gli oli combustibili (capitolo 27 della NC) con biodiesel (capitolo 38 della NC), a condizione che la miscela stessa contenga meno dello 0,5% di biodiesel in volume (percentuale prevista dal Reg. UE n. 1113/2012). Allo stesso modo sarà possibile miscelare biodiesel con oli da gas o oli combustibili, purché la miscela ottenuta contenga meno dello 0,5 % di oli da gas o di oli combustibili in volume.

La modifica in parola entra in vigore con effetto retroattivo alla data del 1° gennaio 2012 al fine di estinguere le obbligazioni doganali eventualmente sorte nello stoccaggio dei suddetti prodotti nei depositi doganali a seguito della modifica tariffaria di cui sopra.

Allegati: Agenzia Dogane – Crcolari – 22D – 28122012

 

 

Newsletter N. 32 del 21 novembre 2011

novembre 20, 2011 scritto da ·

Prodotti di occhialeria – integrazione di nuove misure di controllo sanitario sulle importazioni

  Con Comunicazione del 9 novembre 2011, l’Agenzia delle Dogane fa seguito al precedente comunicato del 14 settembre 2011, con cui informava che nelle operazioni di importazione dei dispositivi medici è obbligatorio indicare nel campo 44 del D.A.U. il codice certificato “13CS”, accompagnato dall’indicazione dell’anno e del numero identificativo dello stesso.
L’Agenzia delle Dogane ora avverte che, per le importazioni dei prodotti di occhialeria di cui al capitolo 90 della nomenclatura…

Leggi tutto l’articolo

 

Revisione Sistema armonizzato 2012 e riflessi sulla nuova Nomenclatura Combinata

L’ Agenzia delle Dogane informa che nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 282 del 28 ottobre 2011 è stato pubblicato il regolamento (UE) n. 1006/2011 della Commissione, del 27 settembre 2011, che modifica l’allegato I del Regolamento (CEE) n.2658/87 relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune. Oltre ad introdurre le consuete modifiche annuali alla Nomenclatura Combinata (NC), il regolamento in questione introduce alcune variazioni strutturali alla NC, a partire dal 1° gennaio 2012, dovute al recepimento del Sistema armonizzato 2012…

Leggi tutto l’articolo Leggi tutto

Revisione Sistema armonizzato 2012 e riflessi sulla nuova Nomenclatura Combinata

novembre 20, 2011 scritto da ·

L’ Agenzia delle Dogane informa che nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 282 del 28 ottobre 2011 è stato pubblicato il regolamento (UE) n. 1006/2011 della Commissione, del 27 settembre 2011, che modifica l’allegato I del Regolamento (CEE) n.2658/87 relativo alla nomenclatura tariffaria e statistica ed alla tariffa doganale comune. Oltre ad introdurre le consuete modifiche annuali  alla Nomenclatura Combinata (NC), il regolamento in questione introduce alcune variazioni strutturali alla NC, a partire dal 1° gennaio 2012, dovute al recepimento del Sistema armonizzato 2012. Il Sistema Armonizzato infatti, che come noto costituisce un sistema codifica a 6 cifre delle merci oggetto di interscambio internazionale, viene aggiornato e integrato ad intervalli di 5 anni.  Le novità principali si riscontrano nei capitoli 1, 2 e 3 della nomenclatura combinata che consistono nella modifica della descrizione di alcuni codici e nell’inserimento di alcune specie di animali e loro parti tra cui cammelli e altri camelidi (0106 1300), struzzi (0106 3300), rombi (0302 2400), merluzzi dell’Alaska (0302 5500), crostacei, ricci di mare (0308 2100) e meduse (0308 20)

Nel capitolo 6 è stata inserita la classificazione dei gigli (0603 1500) e nel capitolo 7 quella del fagiolo Bambara o di terra (0713 3400), del pisello dall’occhio (0713 3500) e del pisello caiano o del tropico (0713 60).

Anche i codici dei prodotti cerealicoli, ad eccezione del riso, di cui al capitolo 10, hanno subito delle modifiche.

Nel capitolo 42 è stata inserita la nota che definisce i termini “cuoio o pelli”. La definizione di “tabacco per narghilè” (tabacco per pipa ad acqua), e della relativa voce 2403 1100, ha trovato la sua collocazione nel capitolo 24 sui tabacchi.

Di notevole importanza è l’inserimento della definizione di “biodiesel”, tra le note di sottovoci del capitolo 27, che ha permesso di distinguere, tra i prodotti di cui alla voce 2710, quelli contenenti biodiesel, da quelli che non lo contengono. La stessa definizione è stata inserita nel capitolo 38.

Per indicare il “biodiesel e le sue miscele, non contenenti o contenenti meno del 70%, in peso, di oli di petrolio o di minerali bituminosi” deve essere utilizzato il nuovo codice 3826 00 10 oppure 3826 00 90.

Sempre nel capitolo 38, è stato inserito il codice NC 3824 9058 per indicare i cerotti alla nicotina (sistemi transdermici), destinati ad aiutare i fumatori a smettere di fumare.

Nel capitolo 29, sulle sostanze chimiche, sono state inserite nuove sottovoci per prodotti e sostanze la cui circolazione è controllata da Convenzioni internazionali. Anche il capitolo 30, sui prodotti farmaceutici, ha subito alcune modifiche, in particolare è stata rielaborata la nota al capitolo relativa alla definizione di prodotti “immunologici modificati”. Inoltre, il termine “sieri specifici”, contenuto più volte nella descrizione della voce 3002, è stato sostituito con “antisieri”, temine più pertinente alla nomenclatura scientifica.

Gli “assorbenti e tamponi igienici, pannolini per bambini piccoli (bébé) e oggetti di igiene simili”, sono stati stralciati dal capitolo 48 e inseriti nel capitolo 96 alla voce 961900.

Nei capitolo 84, alla voce 8479 7100, sono state inserite le “passerelle per l’imbarco di passeggeri” e nel capitolo 85, precisamente alle voci 8507 50 e 8507 60, sono state introdotte alcune tipologie di batterie al litio e al nichel per dispositivi elettronici.

Nel capitolo 95 è stata inserita la sottovoce 9504 50 per “console e apparecchi per videogiochi, diversi da quelli della sottovoce 9504 30” cioè “altri giochi a monete, banconote, carta bancaria, gettoni etc”.

Nel regolamento in oggetto, inoltre, è stata integrato il capitolo 99 “codici speciali della nomenclatura combinata” già in vigore dal 1 gennaio 2011 (Reg. UE n.1228/2010 del 15 dicembre 2010).

Per le altre modifiche si rimanda alla consultazione del regolamento.

Allegati:Agenzia Dogane – Nota – 133362 – 14112011

Contingente di biodiesel anno 2010

gennaio 10, 2010 scritto da ·

Contingente di biodiesel di cui all’art.22-bis, comma 1, del D.l.vo 504/95, precisazioni ed istruzioni operative per la suddivisione relativa all’anno 2010 e per la chiusura del programma 2009: facendo seguito al comunicato Prot. n. 178431/RU del 30 dicembre 2009 e relativa integrazione (Prot. 178702/RU del 31 dicembre 2009), l’Agenzia delle Dogane, con nota Prot. 404 / R.U. del 5 gennaio 2010, con riferimento alla gestione del contingente di biodiesel in oggetto per gli anni 2009 e 2010, fornisce una serie di chiarimenti relativamente ai seguenti aspetti: Leggi tutto