Aliquota IVA per cessioni di macchina fresatrice per protesi dentarie

maggio 29, 2015 scritto da ·

protesi-dentarie

Con risoluzione n. 46/E dell’8 maggio 2015, l’Agenzia delle Entrate ribalta quanto affermato nella risoluzione 12 novembre 2008, n. 431, relativa al corretto trattamento tributario da applicare, ai fini IVA, alla cessione di strumenti adoperati in odontoiatria per il confezionamento di protesi e, in particolare, ad un “pacchetto completo di soluzioni integrate con una “chirurgia implantare predicibile” contenente: a) dime chirurgiche; b) guide per la fresatura dei prodotti e controllo della profondità (cd. guide stereolitografiche); c) software per l’utilizzo delle suddette dime per l’inserimento dell’impianto e per il controllo della profondità (cd. software per la scansione della dentatura)”, si è ritenuta applicabile l’aliquota IVA ridotta del 4 per cento. Read more

Depositi IVA, dalle Entrate un quadro riepilogativo della relativa disciplina

aprile 7, 2015 scritto da ·

agenzia-entrate

Con la circolare 12/E del 24 marzo 2015 l’Agenzia delle Entrate raccoglie le regole dettate nel corso degli anni sull’istituto del deposito IVA, esaminandolo alla luce delle connessioni con i depositi doganali e, soprattutto, della recente sentenza della Corte di Giustizia europea del 17 luglio 2014, causa C-272/13. In particolare, la circolare traccia un identikit dei beni depositabili, delle operazioni agevolate, così come delle modalità d’ingresso ed estrazione dei beni dal deposito, anche nel caso di commercializzazione in Italia, e il calcolo dell’imponibile “sensibile” ai cali merce. Read more

Regime speciale IVA per il commercio di prodotti editoriali

luglio 27, 2014 scritto da ·

l’Agenzia delle Entrate, con la circolare 23/E del 24 luglio 2014 fornisce alcune delucidazioni riguardanti il regime speciale Iva per il commercio di prodotti editoriali, alla luce del Dl 63/2013, convertito, con modificazioni, dalla Legge 90/2013, che ha modificato l’articolo 74, primo comma, lettera c), del DPR 26 ottobre 1972, n. 633. Tale decreto ha infatti introdotto a partire dal 1° gennaio 2014 una serie di novità che hanno semplificato le modalità di imposizione e riscossione dell’Iva, in deroga alle ordinarie disposizioni contenute nei titoli I e II del DPR n. 633 del 1972. Le novità riguardano l’introduzione di un sistema cd. “monofase”, caratterizzato dal fatto che la corresponsione dell’imposta sui prodotti in questione, gravante nella misura ridotta del 4%,  avviene da parte di un unico soggetto passivo, quale l’editore. Read more

Fuoriuscita del bene dal territorio dello Stato nell’ambito delle cessioni intracomunitarie

luglio 27, 2014 scritto da ·

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 71/E del 24 luglio 2014, fornisce una serie di chiarimenti sull’interpretazione dell’art. 41 del D.L. n. 331 del 1993, in materia di cessione intracomunitarie. Recentemente l’Agenzia delle Entrate era già intervenuta sull’argomento con la Risoluzione n, 19/E del 25.03.2013 esponendo nuove soluzioni operative per risolvere il problema della prova delle cessioni intracomunitarie, da sempre problema ostico. Affinché il regime di non imponibilità possa essere riconosciuto in capo al cedente legittimato all’emissione della fattura senza applicazione della imposta, è necessario che lo stesso possa dimostrare l’avvenuto trasferimento delle merci che hanno formato oggetto della transazione ad altro Stato UE. Read more

Aliquota IVA per cessioni di preparazioni a base di riso

luglio 27, 2014 scritto da ·

Con la risoluzione n. 72/E del 24 luglio 2014 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito alla corretta individuazione dell’aliquota Iva da applicare ai preparati per risotti. Per preparati per risotti si intendono talune preparazioni a base di riso, sottoposte a trattamenti ulteriori rispetto a quelle che caratterizzano la materia prima “riso” e che presentano le seguenti caratteristiche: presenza di riso in grani con percentuale preponderante rispetto a quella degli altri ingredienti e comunque mai inferiore al 45%; utilizzazione di riso, parboiled o non, precotto, totalmente o parzialmente, o altrimenti trattato; presenza di ingredienti comuni a tutte le preparazioni (sale, aromi, spezie, erbe aromatiche, farina, lievito, latte; eventuale aggiunta di grassi vegetali, zucchero, verdure disidratate, carne o pesce. Tali prodotti, come confermato dall’Agenzia delle Dogane, sono da classificare al codice NC 1904 9010 e per la loro cessione è applicabile l’aliquota Iva del 4%.

Allegati: Agenzia Entrate – 2014 – Risoluzione – 72E – 24072014

Pagina successiva »