Utilizzo dei certificati di circolazione EUR 1 negli scambi preferenziali entro l’ambito di accordi bilaterali.

dicembre 9, 2018 scritto da ·

Con comunicato prot. 124878 / RU del 14/11/2018, l’Agenzia delle Dogane informa che si sono recentemente verificati problemi relativi alla mancata accettazione, da parte delle autorità doganali del Marocco e della Tunisia, di certificati di circolazione EUR 1 scortanti merci destinate ai citati Paesi, stampati su esemplari conformi al modello di cui all’Allegato 22-10 del Reg. di esecuzione UE 2447/2015 e non corrispondenti ai modelli previsti nei Protocolli origine degli Accordi di associazione UE/Marocco e UE/Tunisia. I competenti Servizi della Commissione Europea, interpellati in merito, hanno chiarito che il modello di cui all’Allegato 22-10 del RE 2447/2015 non rappresenta la corretta base giuridica riguardo ai requisiti formali e tecnici dei certificati EUR 1 da utilizzare per gli scambi fra UE e i citati paesi, in quanto tale modello è da utilizzarsi entro l’ambito delle misure preferenziali autonome adottate unilateralmente dalla UE per taluni paesi o territori, diversi dall’SPG (artt. 113/126 RE), per cui i modelli corretti da utilizzare negli scambi preferenziali entro l’ambito di accordi bilaterali sono unicamente quelli che figurano come allegati dei Protocolli origine dei corrispondenti accordi. In attesa di eventuali ulteriori chiarimenti e precisazioni da parte della stessa Commissione Europea, la nota invita le strutture territoriali dell’Agenzia e gli operatori commerciali ad attenersi, in relazione alle procedure di richiesta e rilascio di certificati EUR 1 nel contesto di accordi preferenziali, a quanto già precisato dalla Commissione Europea circa le sopra indicate modalità, utilizzando unicamente modelli e fac- simili previsti nei Protocolli origine degli Accordi bilaterali.

Il Comunicato è disponibile al seguente link

Perfezionamento attivo di nocciole originarie dalla Turchia.

novembre 14, 2018 scritto da ·

Con Comunicazione del 30 ottobre 2018, l’Agenzia delle Dogane rende nota l’entrata in vigore del Reg. n.2018/604 che ha modificato il Reg.to (UE) n. 2447/2015 relativo a talune modalità di applicazione del regime di perfezionamento attivo. La comunicazione illustra le modalità procedurali connesse al nuovo quadro normativo di riferimento, indicate come segue: Read more

Attribuzione dell’origine preferenziale alle merci.

maggio 31, 2018 scritto da ·

Con la nota prot. 55972/R.U. del 24 maggio 2018, l’Agenzia delle Dogane segnala l’avvenuta pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea serie L 101 del 20 aprile 2018 del Regolamento di esecuzione (UE) 2018/604 della Commissione del 18 aprile 2018, che ha apportato modifiche ad alcune norme del Regolamento di esecuzione (UE) 2015/2447 (RE), relative alle norme procedurali sull’attribuzione dell’origine preferenziale alle merci. Tale Regolamento abroga i regolamenti CEE n. 3510/80 e CE n. 209/2005 ed è applicabile dalla data del 21 aprile 2018.
Ad integrazione delle Circolari 8/D del 19 aprile 2016 e 13/D del 16 novembre 2017, nonché della nota prot. 89161/RU del 1° agosto 2017 con la quale erano state descritte le precedenti modifiche apportate al citato RE dal Regolamento di esecuzione (UE) 2017/989, con la nota in oggetto si illustrano i principali contenuti del Regolamento di esecuzione (UE) 2018/604 che hanno particolare rilievo sugli istituti e procedimenti doganali regolamentati dalle disposizioni unionali vigenti. Read more

Customs decision dpo – errori rilevati frequentemente.

maggio 31, 2018 scritto da ·

Con Comunicato del 24 maggio 2018, l’Agenzia delle Dogane, al fine di favorire la corretta presentazione sul Trader Portal di istanze per il rilascio della autorizzazione alla dilazione di pagamento – decisione DPO, indica i casi di errori nella compilazione degli allegati 5 e 6 che sono stati rilevati più frequentemente e che hanno impedito la creazione di un conto di debito:
– all’istanza sono allegati files in un formato diverso da quello riportato nelle note prot. n. 109580RU del 29.09.2017 e prot. n. 4654RU del 16.01.2018 entrambe pubblicate sul sito Iternet: Operatore economico – Nuovo Codice doganale dell’Unione – disposizioni nazionali; Read more

Aggiornamento delle denominazioni scientifiche delle specie ittiche.

maggio 31, 2018 scritto da ·

Con Comunicato del 21 maggio 2018, l’Agenzia delle Dogane informa che a seguito dell’emanazione del Decreto 22/09/2017 (G.U. n.266 del 14/11/2017) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, si è reso necessario integrare in TARIC una nota al capitolo 03, con la descrizione “Il DM 22/09/2017 del MIPAAF (G.U. n.266 del 14/11/2017), in attuazione del Reg.(UE) 1379/2013, ha aggiornato le denominazioni scientifiche delle specie ittiche di interesse commerciale e i loro sinonimi, comprese nel capitolo 03. (Vedasi allegato 1 al DM 22/09/2017)” (codice N019).
Pertanto, al fine dell’esatta individuazione del codice delle merci del capitolo 03, sarà necessario verificare la corrispondenza tra il testo legale della voce e la denominazione scientifica aggiornata ovvero i relativi sinonimi ammessi mediante la consultazione dell’allegato 1 al DM di cui sopra.
Per semplificazione informativa, viene allegata al comunicato una tabella contenente le principali specie ittiche per le quali sono stati inseriti i link di riferimento dei data base ufficiali, individuati dalla regolamentazione unionale e nazionale, dove è possibile individuare i sinonimi per le specie ittiche ricercate.

Il Comunicato è disponibile al seguente  link

 

Pagina successiva »