Nuovo modello di dichiarazione d’intento di acquistare o importare beni e servizi senza applicazione dell’imposta sul valore aggiunto.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

agenzia-entrate

Con la risoluzione 120/E del 22 dicembre 2016, l’Agenzia delle Entrate detta le regole per l’utilizzo del nuovo modello di dichiarazione d’intento per l’acquisto o l’importazione di beni e servizi senza l’applicazione dell’IVA introdotto dal Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate del 2 dicembre 2016. Con il modello in questione, utilizzabile solamente per le operazioni di acquisto da effettuare dal 1° marzo 2017, non è più prevista la possibilità di riferire la dichiarazione d’intento ad un determinato periodo temporale.

We è stata presentata una dichiarazione d’intento con il vecchio modello, nel quale siano stati compilati i campi 3 e 4 “operazioni comprese nel periodo da” (ad esempio, dal 01/01/2017 al 31/12/2017), la dichiarazione non è valida con riferimento alle operazioni d’acquisto da effettuarsi dal 1° marzo 2017. In relazione a tali operazioni, si rende pertanto necessaria la presentazione di una nuova dichiarazione d’intento, utilizzando il nuovo modello.

La Risoluzione  è disponibile al seguente  link

Trattamento ai fini IVA delle operazioni di acquisto e vendita di prodotti immagazzinati in depositi IVA.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

agenzia-entrate

Con la risoluzione 4/E del 17 gennaio 2017, l’Agenzia delle Entrate illustra la portata dell’articolo 2 del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 147, noto come “decreto internazionalizzazione”, il quale ha introdotto l’interpello sui nuovi investimenti, istituto mediante il quale le imprese che intendono effettuare investimenti in Italia di ammontare non inferiore a trenta milioni di euro e che abbiano significative ricadute occupazionali possono rappresentare all’Agenzia delle entrate il relativo piano di investimento al fine di conoscerne il trattamento fiscale. Il comma 5 del citato articolo 2 prevede la pubblicazione da parte dell’Agenzia delle Entrate delle posizioni interpretative rese in risposta agli interpelli sui nuovi investimenti che possano avere generale interesse. In ossequio a tale disposizione vengono introdotti alcuni chiarimenti in materia di stabile organizzazione e di IVA. In primo luogo l’Agenzia chiarisce che per escludere la configurabilità del centro logistico o deposito quale stabile organizzazione è necessario che in tale sede fissa non venga svolta qualsiasi altra attività diversa da quelle di “deposito, di esposizione o di consegna di merci”, quale ad esempio l’attività commerciale di raccolta degli ordini, nonché di vendita dei prodotti. Con un secondo parere invece l’Agenzia fornisce indicazioni sul trattamento fiscale da applicare in materia di IVA per una serie di operazioni di acquisto finalizzate alla successiva rivendita poste in essere dalla società consociata. Tra i casi esaminati sono compresi gli acquisti intracomunitari e le importazioni di prodotti finiti con introduzione in un deposito fiscale utilizzato ai fini IVA.

La Risoluzione  è disponibile al seguente  link

Trattamento IVA del bunkeraggio di prodotti petroliferi.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

agenzia-entrate

Con la risoluzione 1/E del 09/01/2017, l’Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti sulla non imponibilità ai fini IVA delle operazioni di “bunkeraggio” delle navi, ossia le cessioni di carburante effettuate da società petrolifere nei confronti di un armatore efffettuate tramite un intermediario (trader).

Le operazioni di bunkeraggio riguardano una prassi commerciale diffusa secondo cui quando una nave necessita di carburante, l’armatore contatta un intermediario, indicandogli la nave, la quantità (approssimativa) di carburante necessario e il porto (o eventualmente i porti) in cui la nave sarà ormeggiata e disponibile per il rifornimento. L’intermediario a questo punto sceglie un fornitore ed effettua un ordine di carburante da consegnare a bordo della nave. Nell’ipotesi in questione si verificano pertanto due distinti trasferimenti di proprietà del carburante: uno a favore dell’intermediario, il quale a sua volta effettua il successivo trasferimento del prodotto pertrolifero all’armatore. La consegna invece viene effettuata dalla compagnia petrolifera direttamente nel serbatoio della nave. L’intermediario quindi, pur essendo formalmente proprietario dei beni, non li detiene materialmente al momento della cessione all’armatore. Read more

Pagamento Tramite Bonifico Bancario.
Errato calcolo degli interessi in fase di prenotazione di versamento.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

bonifico

Con comunicazione dell’11 gennaio 2017, l’Agenzia delle Dogane informa che per i movimenti (A93) del 2016 con scadenza nel 2017 il sistema, in fase di prenotazione del pagamento tramite bonifico bancario o postale, ha erroneamente calcolato gli interessi, calcolandoli invece correttamente in fase di quietanzamento.
Ciò ha determinato il mancato quietanzamento di talune A93 per importo insufficiente e la contemporanea generazione di un credito (D4) pari alla differenza tra l’importo cumulativo effettivamente quietanzato e quello prenotato.

Onde consentire il quietanzamento automatico di tali A93 gli operatori economici dovranno:

  1. effettuare nuovamente la prenotazione di versamento per i movimenti non quietanzati;
  2. versare tramite bonifico l’importo indicato nella nuova prenotazione.

Nel caso in cui l’importo comunicato dal sistema con la nuova prenotazione risulti pari a zero o negativo (circostanza che si potrebbe verificare in caso di ulteriori pregressi crediti D4) non potrà essere effettuato il quietanzamento automatico e quindi gli operatori economici dovranno inviare la prenotazione rilasciata dal sistema alla casella di posta elettronica dogane.pagamentionline@agenziadogane.it onde effettuare la riconciliazione manuale.
L’Agenzia informa anche che gli uffici non applicheranno sanzioni e/o interessi per i movimenti in parola.

La Comunicazione è disponibile al seguente  link

Nuovo Manuale Transito/TIR. Versione in lingua italiana.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

2000px-Karnet_TIR.svg

Con la nota prot. 56453/RU dell’11 Maggio 2016 l’Agenzia delle Dogane aveva comunicato che la Commissione ha predisposto una versione consolidata del Manuale Transito/TIR, inizialmente disponibile solo in lingua inglese, che incorpora le modifiche apportate dal Codice doganale dell’Unione e dagli atti delegati ed esecutivi. Tale versione emendata è stata di recente tradotta in lingua italiana e, pertanto, con la nota prot. 141066/RU del 19 dicembre 2016 l’Agenzia informa che ne è avvenuta la pubblicazione sul suo sito internet. La nota ricorda inoltre che il Manuale in parola non costituisce un atto vincolante ma riveste esclusivamente natura esplicativa non solo del regime transito/TIR ma anche delle norme in materia di posizione doganale delle merci.

La Nota è disponibile al seguente  link

Pagina successiva »