Provvedimenti Europei – 2 / 2017

febbraio 23, 2017 scritto da ·

provvedimenti-europeiIn questa sezione è disponibile un indice di provvedimenti di ambito europeo inerenti la professione.  Tali provvedimenti sono disponibili sulla banca dati EUR- Lex.

  • EUR-Lex offre un accesso gratuito al diritto dell’Unione europea e ad altri documenti dell’UE considerati di dominio pubblico. Il sito contiene circa 3 600 000 documenti dal 1951. La banca dati è aggiornata quotidianamente; ogni anno vengono aggiunti circa 15 000 documenti. EUR-Lex contiene:
  • l’edizione del giorno della Gazzetta ufficiale dell’Unione europea on line,
  • funzioni di ricerca semplice, ricerca avanzata e la possibilità di percorrere il contenuto secondo diverse modalità,
  • la possibilità di visualizzare e/o scaricare i documenti in vari formati (PDF, HTML, DOC, TIFF),metadati analitici per ciascun documento.

In questa sezione è disponibile un indice di provvedimenti di ambito europeo inerenti la professione.  Tali provvedimenti sono disponibili sulla banca dati EUR- Lex.

  • EUR-Lex offre un accesso gratuito al diritto dell’Unione europea e ad altri documenti dell’UE considerati di dominio pubblico. Il sito contiene circa 3 600 000 documenti dal 1951. La banca dati è aggiornata quotidianamente; ogni anno vengono aggiunti circa 15 000 documenti. EUR-Lex contiene:
  • l’edizione del giorno della Gazzetta ufficiale dell’Unione europea on line,
  • funzioni di ricerca semplice, ricerca avanzata e la possibilità di percorrere il contenuto secondo diverse modalità,
  • la possibilità di visualizzare e/o scaricare i documenti in vari formati (PDF, HTML, DOC, TIFF),metadati analitici per ciascun documento.

 

 

    • Nella GU UE L 3 del 6.01.2017 è stato pubblicato:

     

    • Il Regolamento (UE) 2016/2339 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 dicembre 2016

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0005&from=IT

     

    • Nella GU UE L 4 del 7.01.2017 è stata pubblicata:

     

    • La Rettifica della Decisione di esecuzione (UE) 2016/1982 del Consiglio, dell’8 novembre 2016, recante modifica della decisione 2007/441/CE che autorizza la Repubblica italiana ad applicare misure di deroga all’articolo 26, paragrafo 1, lettera a) e all’articolo 168 della direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto (GU L 305 del 12.11.2016)

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32016D1982R(01)&from=IT

     

     

     

    • Nella GU UE C 5 del 7.06.2017 è stato pubblicato:

     

    • Un Avviso di scadenza di alcune misure antidumping

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52017XC0107(01)&from=IT

     

     

    • Nella GU UE L 7 del 12.01.2017 sono stati pubblicati:

     

    • L’Avviso concernente l’applicazione provvisoria dell’accordo di partenariato sulle relazioni e la cooperazione tra l’Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Nuova Zelanda, dall’altra

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22017X0112(02)&from=IT

     

    • Il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/49 della Commissione, dell’11 gennaio 2017, che fissa il coefficiente di attribuzione da applicare ai quantitativi che formano oggetto delle domande di titoli di importazione presentate dal 1° gennaio 2017 al 6 gennaio 2017 nell’ambito dei contingenti tariffari aperti dal regolamento di esecuzione (UE) 2015/2081 per taluni cereali originari dell’Ucraina

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0049&from=IT

     

    • La Rettifica del regolamento (UE) n. 952/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 ottobre 2013, che istituisce il codice doganale dell’Unione

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32013R0952R(04)&from=IT

     

     

    • Nella GU UE L 9 del 13.01.2017 è stata pubblicata:

     

    • L’Informazione relativa all’entrata in vigore dell’accordo quadro globale di partenariato e cooperazione tra l’Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica socialista del Vietnam, dall’altra

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22017X0113(01)&from=IT

     

    • Nella GU UE L 11 del 14.01.2017 sono stati pubblicati:

     

    • La Decisione (UE) 2017/37 del Consiglio, del 28 ottobre 2016, relativa alla firma, a nome dell’Unione europea, dell’accordo economico e commerciale globale (CETA) tra il Canada, da una parte, e l’Unione europea e i suoi Stati membri, dall’altra

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017D0037&from=IT

     

    • Lo Strumento interpretativo comune sull’accordo economico e commerciale globale (CETA) tra il Canada e l’Unione europea e i suoi Stati membri

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22017X0114(01)&from=IT

     

    • L’Accordo economico e commerciale globale (CETA) tra il Canada, da una parte, e l’Unione europea e i suoi Stati membri, dall’altra

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22017A0114(01)&from=IT

     

    • La Decisione (UE) 2017/38 del Consiglio, del 28 ottobre 2016, relativa all’applicazione provvisoria dell’accordo economico e commerciale globale (CETA) tra il Canada, da una parte, e l’Unione europea e i suoi Stati membri, dall’altra

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017D0038&from=IT

     

    • Nella GU UE L 12 del 17.01.2017 sono stati pubblicati:

     

     

    • La Decisione (UE) 2017/75 del Consiglio, del 21 novembre 2016, relativa alla firma, a nome dell’Unione e dei suoi Stati membri, e all’applicazione provvisoria del protocollo dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Bosnia-Erzegovina, dall’altra, per tener conto dell’adesione della Repubblica di Croazia all’Unione europea

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017D0075&from=IT

     

    • Il Protocollo dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Bosnia-Erzegovina, dall’altra, per tener conto dell’adesione della Repubblica di Croazia all’Unione europea

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22017A0117(01)&from=IT

     

     

    • La Decisione (Euratom) 2017/76 del Consiglio, del 21 novembre 2016, che approva la conclusione da parte della Commissione europea, a nome della Comunità europea dell’energia atomica, del protocollo dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Bosnia-Erzegovina, dall’altra, per tener conto dell’adesione della Repubblica di Croazia all’Unione europea

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017D0076&from=IT

     

    • Nella GU UE L 14 del 18.01.2017 è stato pubblicato :

     

    • L’Informazione relativa all’applicazione provvisoria del protocollo dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Bosnia-Erzegovina, dall’altra, per tener conto dell’adesione della Repubblica di Croazia all’Unione europea

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22017X0118(01)&from=IT

     

    La Decisione (UE) 2017/85 del Consiglio, del 16 gennaio 2017, relativa alla conclusione del protocollo dell’accordo euromediterraneo che istituisce un’associazione tra la Comunità europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Repubblica algerina democratica e popolare, dall’altra, riguardante un accordo quadro tra l’Unione europea e la Repubblica algerina democratica e popolare sui principi generali della partecipazione della Repubblica algerina democratica e popolare ai programmi dell’Unione

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017D0085&from=IT

     

    • Nella GU UE L 16 del 20.01.2017 è stato pubblicato:

     

    • Il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/94 della Commissione, del 19 gennaio 2017, che istituisce un dazio antidumping definitivo sulle importazioni di gluconato di sodio originario della Repubblica popolare cinese in seguito a un riesame in previsione della scadenza a norma dell’articolo 11, paragrafo 2, del regolamento (CE) 2016/1036 del Parlamento europeo e del Consiglio

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0094&from=IT

     

     

    • Nella GU UE L 18 del 24.01.2017 è stato pubblicato :

     

    • Il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/109 della Commissione, del 23 gennaio 2017, che istituisce un dazio antidumping definitivo sulle importazioni di determinate ruote di alluminio originarie della Repubblica popolare cinese, in seguito a un riesame in previsione della scadenza in conformità all’articolo 11, paragrafo 2, del regolamento (UE) 2016/1036 del Parlamento europeo e del Consiglio

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0109&from=IT

     

     

    • Nella GU UE L 19 del 25.01.2017 è stato pubblicato :

     

    • Il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/120 della Commissione, del 24 gennaio 2017, concernente le deroghe alle norme di origine di cui all’allegato II dell’accordo di libero scambio tra l’Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Colombia, il Perù e l’Ecuador dall’altra, che si applicano nell’ambito di contingenti per taluni prodotti originari dell’Ecuador

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0120&from=IT

     

    • Nella GU UE L 21 del 26.01.2017 è stato pubblicato :

     

     

    • Il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/129 della Commissione, del 25 gennaio 2017, che modifica il regolamento di esecuzione (UE) n. 743/2013 recante misure di protezione sulle importazioni di molluschi bivalvi originari della Turchia destinati al consumo umano, per quanto riguarda il periodo di applicazione

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0129&from=IT

     

     

    • Nella GU UE L 22 del 27.01.2017 sono stati pubblicati :

     

    • Il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/141 della Commissione, del 26 gennaio 2017, che istituisce dazi antidumping definitivi sulle importazioni di determinati accessori per tubi di acciaio inossidabile da saldare testa a testa, finiti o non finiti, originari della Repubblica popolare cinese e di Taiwan

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0141&from=IT

     

    • La Decisione n. 1/2016 del consiglio di stabilizzazione e di associazione UE-Bosnia-Erzegovina, del 9 dicembre 2016, che sostituisce il protocollo n. 2 dell’accordo di stabilizzazione e di associazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Bosnia-Erzegovina, dall’altra, relativo alla definizione della nozione di «prodotti originari» e ai metodi di cooperazione amministrativa [2017/147]

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:22017D0147&from=IT

     

     

    • Nella GU UE L 23 del 28.01.2017 è stato pubblicato:

     

    • Il Regolamento di esecuzione (UE) 2017/151 della Commissione, del 27 gennaio 2017, che modifica l’allegato I del regolamento (CE) n. 798/2008 per quanto riguarda le voci dell’elenco di paesi terzi, loro territori, zone o compartimenti da cui sono consentiti le importazioni e il transito nell’Unione di pollame e prodotti a base di pollame e le condizioni di certificazione veterinaria

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32017R0151&from=IT

     

     

    • Nella GU UE L 25 del 31.01.2017 è stata pubblicata :

     

    • La Rettifica del regolamento delegato (UE) 2016/1969 della Commissione, del 12 settembre 2016, che modifica il regolamento (CE) n. 428/2009 del Consiglio che istituisce un regime comunitario di controllo delle esportazioni, del trasferimento, dell’intermediazione e del transito di prodotti a duplice uso (GU L 307 del 15.11.2016)

     

    http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32016R1969R(01)&from=IT

Rettifica del regolamento (UE) n. 952/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 ottobre 2013, che istituisce il codice doganale dell’Unione – Pagina 26, articolo 43.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

agenzia-entrate

Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea L 7 del 12 gennaio 2017 è stata pubblicata una rettifica all’art. 43 del Codice Doganale dell’Unione. La rettifica, relative alle decisioni prese da un’autorità giudiziaria, riguarda un errato rinvio normativo, in quanto anzichè gi articoli 44 e 45 risultavano richiamati gli articoli 37 e 38.

Merci che sono uscite temporaneamente dal territorio doganale dell’Unione per via marittima o aerea.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

agenzia-entrate

Al fine di facilitare i flussi di scambi, l’articolo 136 del regolamento (UE) n. 952/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio esclude l’applicazione di determinate disposizioni alle merci che sono temporaneamente uscite dal territorio doganale dell’Unione circolando tra due porti o aeroporti dell’Unione senza scalo fuori dal territorio doganale dell’Unione. Le disposizioni in questione disciplinano l’obbligo di presentare la dichiarazione sommaria di entrata, l’obbligo di notificare l’arrivo di una nave marittima o di un aeromobile, le norme che disciplinano l’obbligo di trasportare le merci in determinati luoghi e di presentarle alle dogane nel luogo in cui sono scaricate o trasbordate ela custodia temporanea. 
Quale conseguenza di tale esclusione, non vi è alcuna base giuridica per richiedere che le merci che vengono scaricate o trasbordate siano presentate nel luogo in cui esse sono reintrodotte nel territorio doganale dell’Unione dopo esserne uscite temporaneamente. In mancanza di tale presentazione può risultare più difficile per le autorità doganali assicurare la vigilanza di tali merci, e vi è il rischio che i dazi all’importazione e gli altri oneri non siano correttamente riscossi e che le misure di carattere non fiscale, come i controlli veterinari e fitosanitari, non siano correttamente applicate. 
Si è reputato quindi necessario modificare l’articolo 136 del regolamento (UE) n. 952/2013 per tenere conto delle situazioni specifiche delle merci unionali e di quelle non unionali. 
Per assicurare una vigilanza doganale efficace delle merci non unionali, continueranno ad applicarsi alle merci non unionali le disposizioni che disciplinano l’obbligo di trasportare le merci in determinati luoghi, di presentarle alle autorità doganali al momento dello scarico o del trasbordo, e di attendere l’autorizzazione prima di scaricare o trasbordare le merci nonché le disposizioni che disciplinano la custodia temporanea. Per ulteriori dettagli si rinvia al Regolamento in oggetto.

Il Regolamento  è disponibile al seguente  link

Classificazione delle merci nella nomenclatura doganale.

febbraio 23, 2017 scritto da ·

agenzia-entrate

Sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE C484 del 24/12/2016 è stata pubblicata la Comunicazione (2016/C 484/04), rivolta alle autorità doganali dell’UE, nella quale si informano tali amministrazioni che a seguito delle modifiche delle note esplicative della nomenclatura del sistema armonizzato di designazione e codificazione delle merci adottati dal Consiglio di cooperazione doganale (documento CCD n. NC2237 – relazione della 57a sessione del Comitato SA), occorre revocare le decisioni relative a informazioni vincolanti, a decorrere dal 1o gennaio 2017, che sono divenute incompatibili con l’interpretazione della nomenclatura doganale a seguito delle suddette modifiche.

La Comunicazione  è disponibile al seguente  link

Carnet TIR.

gennaio 19, 2017 scritto da ·

2000px-Karnet_TIR.svg

Modifica della convenzione doganale relativa al trasporto internazionale di merci accompagnate da carnet TIR (convenzione TIR 1975): sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE del 29/11/2016 è stata pubblicata una modifica della convenzione TIR. Gli emendamenti, per i quali si rinvia al provvedimento della Commissione, entrano in vigore il 1° gennaio 2017 per tutte le parti contraenti.

 La Modifica della Convenzione è disponibile al seguente  link

Pagina successiva »