Newsletter N. 9 del 9.06.2015

9 giugno, 2015 scritto da  This page as PDF Stampa Articolo Invia Articolo per Email

Osservatorio-Doganale dichiarazioni intento

Documento Amministrativo Unico – Codifica della documentazione presentata a sostegno della dichiarazione doganale

Con la nota prot. 59601 del 20 maggio 2015, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli fornisce una serie di chiarimenti in merito alla documentazione da presentare a sostegno delle dichiarazioni doganali, in particolare per quanto riguarda le dichiarazioni di esportazione con diritto alla restituzione, per le quali è avvenuto di recente un aggiornamento dei codici identificativi dei relativi documenti e dichiarazioni a sostegno. Dopo aver ricordato che la normativa unionale afferente le esportazioni con diritto alla restituzione è disciplinata sia dal Reg. (CE) n. 612/2009 sia dalla specifica normativa verticale del settore merceologico, ove previsto, l’Agenzia evidenzia come tra i vari adempimenti a carico degli operatori vi sia quello di indicare sul Documento Amministrativo Unico (DAU) la pertinente documentazione/dichiarazione da presentare all’atto della registrazione della dichiarazione doganale di esportazione….

Leggi tutto l’articolo

 

agenzia-delle-dogane

Operazioni d’importazione, dispensa dalla consegna in dogana della copia cartacea della dichiarazione d’intento

Con la nota prot. 58510/RU del 20 maggio 2015, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli illustra le novità introdotte dall’articolo 20 del Decreto Legislativo 21 novembre 2014, n. 175, che come noto ha apportato modifiche all’articolo 1, comma 1, lettera c), del decreto legge 29 dicembre 1983, n. 746, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 1984, n.17. Ai sensi delle nuove disposizioni viene ora previsto che: – i soggetti che intendono avvalersi della facoltà di effettuare acquisti o importazioni senza applicazione dell’IVA, ai sensi dell’art. 8, primo comma, lettera c), del D.P.R. n.633/1972, sono obbligati a trasmettere telematicamente all’Agenzia delle entrate le dichiarazioni d’intento; – l’Agenzia delle entrate mette a disposizione dell’Agenzia delle Dogane la banca dati delle dichiarazioni d’intento per dispensare dalla consegna in dogana della copia cartacea delle predette dichiarazioni e delle ricevute di presentazione… Leggi tutto l’articolo   dogane

Tesserino di riconoscimento del praticante in dogana per accesso in dogana

Con la nota 57787/RU del 18 maggio 2015 l’Agenzia delle Dogane illustra le modalità di utilizzazione delle tessere di riconoscimento per la nuova figura di “praticante” (o tirocinante) prevista dalla legge di riforma degli Ordini professionali (D.P.R. n.137 del 7 agosto 2012). Com’è noto, ai fini dell’accesso presso gli Uffici doganali, con circ. 1982/VIII/200 prot. n.626 del 27.03.1982 e successive integrazioni di cui alla circ. 1982/VIII/262 prot. n.3935 del 3.06.1983, erano state diramate una serie di istruzioni concernenti l’istituzione di una tessera di riconoscimento per spedizionieri doganali, coadiutori ed ausiliari. Tali disposizioni disciplinavano anche le modalità di gestione, le caratteristiche, nonché gli elementi informativi relativi alle citate tessere. Alla luce delle modifiche apportate a seguito dell’entrata in vigore D.P.R. n.137 del 7 agosto 2012, recante il regolamento di riforma degli ordinamenti professionali, ed a seguito di una serie di confronti con il Consiglio Nazionale degli Spedizionieri Doganali in merito ai diversi aspetti del nuovo assetto normativo, si è pervenuti alla considerazione di dover prevedere le modalità di accesso presso le strutture periferiche dell’Agenzia anche di coloro che, secondo l’impianto dettato dal citato D.P.R. n.137/2012, assumono il ruolo di “praticante spedizioniere doganale” ed intendono svolgere il tirocinio professionale di cui all’articolo 6 del medesimo decreto presidenziale… Leggi tutto l’articolo   agenzia-entrate

Agevolazione fiscale a favore degli esercenti il trasporto merci e determinate imprese di trasporto persone.

Con la risoluzione n.39/E del 20 aprile 2015 l’Agenzia delle Entrate, a rettifica della risoluzione n. 133/E del 30 aprile 2002 con la quale veniva istituito il codice tributo “6740” per la fruizione del credito d’imposta mediante compensazione, comunicava l’avvenuto aggiornamento delle modalità di compilazione del modello F24 relativamente all’agevolazione sul gasolio per autotrazione consumato dagli esercenti del settore del trasporto. Tale iniziativa rispondeva all’esigenza di associare contestualmente, già nel modello F24, le compensazioni effettuate dall’esercente all’anno di presentazione della dichiarazione di rimborso ed al trimestre solare in cui si è realizzato il consumo del gasolio, presupposto dell’agevolazione. Come noto, l’agevolazione in esame ha subìto una ristrutturazione a seguito delle modifiche apportate al D.P.R. 9 giugno 2000, n.277, recante le norme regolamentari che disciplinano il beneficio fiscale, dall’art. 61, comma 1, del D.L. n. 1/2012, convertito in legge n. 27/12… Leggi tutto l’articolo   agenzia-delle-dogane

Fissazione semestrale dei tassi di interesse per il pagamento differito dei diritti doganali

Con la nota prot. 55874 /R.U. dell’11 maggio 2015, l’Agenzia delle Dogane comunica che il Ministero dell’economia e delle finanze, sentita la Banca d’Italia, con decreto pubblicato sulla G.U. n. 105 del 8.05.2015, ha fissato, ai sensi dell’art. 79 del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale (TULD), approvato con D.P.R. n. 43/1973, il saggio di interesse per il pagamento differito dei diritti doganali effettuato oltre il periodo di trenta giorni, nella misura dello 0,213 per cento annuo per il periodo dal 13 gennaio 2015 al 12 luglio 2015. Leggi tutto l’articolo   Europa Europe 3D

Regime comune applicabile alle importazioni da alcuni paesi terzi (rifusione)

L’Agenzia delle Dogane, con comunicazione del 6 maggio 2015, informa che al fine di adeguare la riscossione dei tributi agli standard nazionali ed internazionali, nonché nell’ambito delle attività poste in essere in considerazione dell’EXPO’ 2015 e della conseguente amplificata immagine internazionale dell’Italia, si è dotata di strumenti elettronici (POS) necessari per il pagamento tramite bancomat e carte di credito. La possibilità di effettuare pagamenti con carte elettroniche rientra nel percorso, già intrapreso con l’avvio della sperimentazione operativa per l’utilizzo del bonifico bancario o postale, volto a dota… Leggi tutto l’articolo Preleva la Newsletter in formato PDF