Newsletter N. 8 del 25.05.2015

25 maggio, 2015 scritto da  This page as PDF Stampa Articolo Invia Articolo per Email

quicknews

 

Tesserino riconoscimento praticante per accesso in dogana

L’ Agenzia delle Dogane in relazione all’entrata in vigore D.P.R. n.137 del 7 agosto 2012, recante il regolamento di riforma degli ordinamenti professionali ed a seguito dei vari incontri co il CNSD, ha diramato agli uffici periferici le istruzioni necessarie per l’identificazione del praticante, figura disciplinata dall’articolo 6, comma 3 del dal DPR 137/2012 prevedendo che il tesserino rilasciato dai Consigli Territoriali degli spedizionieri doganali competenti sia convalidato con timbro della competente Direzione Regionale/Interregionale o Interprovinciale nel cui ambito territoriale il praticante intende svolgere il tirocinio professionale per l’autorizzazione all’accesso negli spazi doganali…

Leggi tutto l’articolo

 

 

 

 

Osservatorio-Doganale

chiarimenti

Rappresentanza diretta nella procedura di domiciliazione

Con la nota prot. 46462 dell’8 maggio 2015, l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli fornisce ulteriori precisazioni in merito ai contenuti della circolare n.1/D del 19 gennaio 2015, relativa all’applicazione dell’istituto della rappresentanza nella procedura di domiciliazione. In occasione di un incontro con le Associazioni di categoria maggiormente rappresentative, sono state infatti richieste alcune precisazioni relative agli oneri informativi che il soggetto richiedente l’autorizzazione ad operare in procedura domiciliata, con la modalità della rappresentanza diretta, è tenuto ad assolvere ai fini del compiuto espletamento dell’attività istruttoria deputata al competente Ufficio doganale. I chiarimenti richiesti riguardano, in particolare, i seguenti adempimenti procedurali: 1) la produzione degli elenchi aggiornati dei clienti per i quali l’istante intende agire in rappresentanza diretta (punti A.1, C.1 e C.2 della menzionata circ. n.1/D del 19 gennaio 2015); 2) l’aggiornamento degli stessi e delle sottostanti procedure gestionali adottate dal rappresentante, in funzione di eventuali cambiamenti nella composizione quali/qualitativa del novero dei soggetti rappresentati…

Leggi tutto l’articolo

ship

Attivazione sperimentale della procedura di sdoganamento in
 mare

Nel far seguito alla nota n. 63077/RU del 16 giugno 2014, con cui erano state impartite le istruzioni per l’attivazione in via sperimentale dello sdoganamento in mare, integrate a seguito dei primi risultati della sperimentazione operativa in corso, l’Agenzia delle Dogane, con la nota prot. 46462 dell’8 maggio 2015 fornisce alcune intregrazioni al fine di semplificare la documentazione richiesta per autorizzare lo sdoganamento in mare a navi che effettuano viaggi brevi o che provengono da un porto italiano ed estendere, a determinate condizioni, lo sdoganamento in mare al traffico Ro.Ro (Roll-on/Roll-off). Inoltre la nuova nota aggiorna lo schema standard di disciplinare di servizio per pervenire ad una più uniforme applicazione delle procedure a livello locale. 
La nota in oggetto sostituisce pertanto integralmente la precedente nota 63077/RU del 16 giugno 2014….

Leggi tutto l’articolo

 

ferrovia

Corridoi controllati ferroviari per la movimentazione di container

Dopo l’adozione della nota prot. 44053/RU del 13 aprile 2015 sui Fast Corridor stradali, l’Agenzia delle Dogane, con nota Prot. 53313/RU del 5 maggio 2015, fornisce le istruzioni per l’attivazione in via sperimentale di Corridoi controllati ferroviari, per la movimentazione di container dal punto di sbarco fino al magazzino di temporanea custodia presso un Nodo logistico di destinazione, ampliando il campo di applicazione e introducendo nuove semplificazioni rispetto alla procedura di cui alla nota n. 67703/RU/DCGT del 12 agosto 2011, riguardante la movimentazione dei container tra aree portuali e magazzini di temporanea custodia (T.C.) situati nei cosiddetti “retroporti”. Le Direzioni territoriali dell’Agenzia delle Dogane interessate predisporranno degli appositi disciplinar…

Leggi tutto l’articolo

 

euro

Pagamento dei diritti doganali mediante bonifico bancario o postale

Ad integrazione della nota prot. n. 57280/RU del 19.05.2014, l’Agenzia delle dogane precisa, con la nota n° 54844 dell’11 maggio 2015, che per effettuare un pagamento da un Paese extra S.E.P.A a favore della contabilità speciale intestata all’Agenzia IT39M0100003245348200005625 occorre premettere al codice IBAN sopra indicato il codice B.I.C. BITAITRRENT per quanto riguarda il sistema “Target2”, mentre per quanto riguarda il sistema “dettaglio”: il BIC da utilizzare è il solo BIC BITAITRRXXX. La finalizzazione sulla procedura utente di Banca d’Italia dell’SCT…

Leggi tutto l’articolo

 

agenzia-delle-dogane

Fissazione semestrale dei tassi di interesse per il pagamento differito dei diritti doganali

Con la nota prot. 55874 /R.U. dell’11 maggio 2015, l’Agenzia delle Dogane comunica che il Ministero dell’economia e delle finanze, sentita la Banca d’Italia, con decreto pubblicato sulla G.U. n. 105 del 8.05.2015, ha fissato, ai sensi dell’art. 79 del testo unico delle disposizioni legislative in materia doganale (TULD), approvato con D.P.R. n. 43/1973, il saggio di interesse per il pagamento differito dei diritti doganali effettuato oltre il periodo di trenta giorni, nella misura dello 0,213 per cento annuo per il periodo dal 13 gennaio 2015 al 12 luglio 2015.

Leggi tutto l’articolo

 

 

Credit-cards

Pagamento in dogana con carte elettroniche

L’Agenzia delle Dogane, con comunicazione del 6 maggio 2015, informa che al fine di adeguare la riscossione dei tributi agli standard nazionali ed internazionali, nonché nell’ambito delle attività poste in essere in considerazione dell’EXPO’ 2015 e della conseguente amplificata immagine internazionale dell’Italia, si è dotata di strumenti elettronici (POS) necessari per il pagamento tramite bancomat e carte di credito.
La possibilità di effettuare pagamenti con carte elettroniche rientra nel percorso, già intrapreso con l’avvio della sperimentazione operativa per l’utilizzo del bonifico bancario o postale, volto a dota…

Leggi tutto l’articolo

 

classific merci

Accertamento e contabilizzazione delle Risorse Proprie Tradizionali

Con comunicato dell’8 maggio 2015 l’Agenzia delle Dogane informa che, a seguito di vari confronti intervenuti con la Commissione europea, sono state definite nuove linee guida operative in tema di accertamento e contabilizzazione delle Risorse Proprie Tradizionali.
In particolare, è stato precisato che la comunicazione del debito al contribuente non può più essere effettuata una volta che sia inutilmente decorso il termine di 3 anni previsto dall’art. 221.3 del Codice doganale comunitario. Ciò in quanto tale termine ha una valenza “decadenziale” e non “prescrizionale”, che preclude all’amministrazione ogni possibile azione di accertamento e recupero dei diritti doganali una volta spirato…

Leggi tutto l’articolo

 

protesi-dentarie

Aliquota IVA per cessioni di macchina fresatrice per protesi dentarie

Con risoluzione n. 46/E dell’8 maggio 2015, l’Agenzia delle Entrate ribalta quanto affermato nella risoluzione 12 novembre 2008, n. 431, relativa al corretto trattamento tributario da applicare, ai fini IVA, alla cessione di strumenti adoperati in odontoiatria per il confezionamento di protesi e, in particolare, ad un “pacchetto completo di soluzioni integrate con una “chirurgia implantare predicibile” contenente: a) dime chirurgiche; b) guide per la fresatura dei prodotti e controllo della profondità (cd. guide stereolitografiche); c) software per l’utilizzo delle suddette dime per l’inserimento dell’impianto e per il controllo della profondità (cd. software per la scansione della dentatura)”, si è ritenuta applicabile l’aliquota IVA ridotta del 4 per cento…

Leggi tutto l’articolo

 

discarica

Orientamenti per i controlli doganali sulle spedizioni transfrontaliere di rifiuti, sintesi pubblica

Nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, serie C157 del 12.5.2015 è stata pubblicata la sintesi pubblica delle linee guida sulle spedizioni transfrontaliere di rifiuti. La tutela della salute e dell’ambiente è un tema infatti di crescente importanza. Il trattato di Lisbona prevede, tra gli obiettivi dell’Unione europea, un elevato livello di tutela e di miglioramento della qualità dell’ambiente [articolo 3 TUE (1)]. L’insieme della legislazione dell’UE in materia ambientale (regolamenti, direttive, decisioni) ha fissato oltre 130 finalità e obiettivi separati,..

Leggi tutto l’articolo

Preleva la Newsletter in formato PDF