Tariffe inerenti alle prestazioni fornite dal Ministero della salute

27 ottobre, 2014 scritto da  This page as PDF Stampa Articolo Invia Articolo per Email

Ministero della Salute, decreto 17 luglio 2014  relativo alla determinazione delle tariffe inerenti alle  prestazioni  fornite  dal Ministero della salute per le attività di rilascio della licenza di registrazione e di autorizzazione all’esportazione e all’importazione di precursori di droghe: il decreto in oggetto, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n.239 del 14-10-2014 della Repubblica Italiana, stabilisce che per l’espletamento delle attivita’ di rilascio di nuova  licenza di utilizzo dei precursori di droghe della categoria 1, nei limiti di cui al comma 3 dell’art. 70 del Testo Unico delle leggi in materia  di disciplina degli stupefacenti  e  sostanza  psicotrope,  prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza (decreto  del  Presidente  della  Repubblica  9 ottobre 1990, n. 309),   nonché per il rilascio di nuova licenza a operatori già autorizzati, a seguito di  modifica dei requisiti di custodia e di sicurezza dei  locali  di  utilizzo  e detenzione, la tariffa e’ determinata in euro 314,56.

Per l’espletamento delle attivita’  di  rinnovo  e  modifica  di licenza di utilizzo dei precursori di droghe della categoria  1, nei casi diversi da quelli sopra previsti, la tariffa è invece determinata in euro 246,78.

Per l’espletamento delle attivita’ di registrazione,  rinnovo  e modifica di registrazione, anche in modalita’  elettronica,  per  gli operatori che intendono immettere sul mercato, importare o  esportare precursori di droghe di categoria 2, nei limiti di  cui  al  comma  5 dell’art. 70 del Testo unico,  e  per  gli  operatori  che  intendono esportare precursori di droghe di categoria 3, nei limiti di  cui  al medesimo comma 5, la tariffa è invece determinata in euro 79,74.

Infine, per l’espletamento delle attivita’ di rilascio di autorizzazioni all’importazione o all’esportazione  di  precursori  di  droghe  agli operatori autorizzati, nei limiti di cui al comma 9 dell’art. 70  del testo Unico, la tariffa e’ determinata in euro 49,65.

Le tariffe in questione vanno versate  dagli  operatori richiedenti  le  relative prestazioni, sul  conto  corrente  postale numero 1005116734, intestato alla Tesoreria provinciale dello Stato – Sezione di Viterbo oppure sul conto corrente bancario –  Codice  IBAN IT-58-C-07601-14500-001005116734,   Codice   BIC/SWIFT:   BPPIITRRXXX intestato  a:  Tesoreria provinciale di  Viterbo.  Nella  causale  di versamento deve essere indicato il tipo di prestazione richiesta, con il relativo riferimento normativo, di cui  all’art.  1  del  decreto in commento,   l’Amministrazione   che   effettua   la   prestazione    e l’imputazione al capitolo 2225 – Capo XX  dell’entrata  del  bilancio dello Stato.

Il Ministero della salute avvia le attivita’ di cui al  decreto  previa  verifica  dell’avvenuto  versamento  degli   importi dovuti, da comprovare  mediante  presentazione  dell’attestazione  di versamento all’atto della richiesta, secondo modalita’ pubblicate sul sito del Ministero della salute.

Le tariffe saranno aggiornate dal Ministero della salute aggiorna con cadenza  almeno  biennale,  rideterminandole   nel rispetto  del  criterio  della  copertura  del  costo  effettivo  del servizio.

Ai soggetti gia’ in possesso di licenza o gia’ registrati presso il Ministero della salute alla data di entrata in vigore del decreto in oggetto, si applicano le tariffe di cui  sopra a  partire  dal primo  rinnovo  o  in  caso  di  modifica  della  licenza   o   della registrazione.

Allegati: Ministero Salute – 2014 – Decreti – 17072014

Comments are closed.