Cumulo interregionale fra l’Indonesia e lo Sri Lanka per le norme d’origine, nuovo regolamento dalla Commissione

30 dicembre, 2013 scritto da  This page as PDF Stampa Articolo Invia Articolo per Email

L’articolo 86, paragrafo 5, del regolamento (CEE) n. 2454/93 prevede la possibilità di autorizzare i paesi beneficiari del sistema unionale delle preferenze generalizzate (SPG) appartenenti ai gruppi regionali I e III a impiegare l’uno i materiali dell’altro nel quadro di una tipologia specifica di cumulo, comunemente denominata «cumulo interregionale»; fissa inoltre le condizioni cui è subordinata l’autorizzazione.

Con lettera del 15 aprile 2013, l’Indonesia e lo Sri Lanka hanno presentato una richiesta congiunta di cumulo interregionale ai sensi dell’articolo 86, paragrafo 5, del regolamento (CEE) n. 2454/93.

Nell’ottica di promuovere gli scambi commerciali e di contribuire alla crescita delle rispettive economie, i due paesi hanno chiesto di autorizzare il settore della tabacchicoltura indonesiano a rifornire l’industria manifatturiera dei sigari dello Sri Lanka di materiali di origine indonesiana che lo Sri Lanka possa impiegare al suo interno, nel quadro del cumulo, in ulteriori lavorazioni o trasformazioni che vanno oltre le operazioni di cui all’articolo 78, paragrafo 1, del regolamento (CEE) n. 2454/93. Nella richiesta, entrambi i paesi si sono impegnati a osservare o far osservare le norme d’origine nel quadro dell’SPG e a fornire la cooperazione amministrativa necessaria per assicurarne la corretta applicazione sia nei confronti dell’Unione europea che nelle loro relazioni reciproche.

La richiesta descrive sia i materiali di cui si propone l’impiego nel quadro del cumulo, ossia tabacchi greggi o non lavorati e cascami di tabacco di cui alla voce 2401 del sistema armonizzato (SA), sia le fasi di lavorazione e i processi ausiliari che s’intendono effettuare nello Sri Lanka. In essa si afferma che, se autorizzato, il cumulo interregionale avrà effetti benefici sulle economie di entrambi i paesi e non recherà pregiudizio ai settori economici dell’Unione attivi nella produzione e vendita di sigari.

Si è di conseguenza autorizzato lo Sri Lanka a cumulare materiali di cui alla voce SA 2401 originari dell’Indonesia, a condizione che entrambi i paesi mantengano lo status di paese beneficiario ai sensi dell’articolo 2, lettera d), del regolamento (UE) n. 978/2012 del Parlamento europeo e del Consiglio. La Commissione europea sorveglierà l’evoluzione delle importazioni derivante da quest’autorizzazione, che potrà rivedere alla luce della sorveglianza effettuata in base a criteri quali l’aumento quantitativo delle importazioni.

Comments are closed.