Servizio Telematico Doganale, registrazione come fornitori di servizi di operatori non stabiliti in Italia

5 agosto, 2013 scritto da  This page as PDF Stampa Articolo Invia Articolo per Email

Con la nota prot. n. 156159/RU del 31/12/2010 era stato comunicato l’avvenuto perfezionamento del servizio in oggetto per consentire la presentazione telematica delle dichiarazioni anche a soggetti non stabiliti in Italia  e non in possesso di un Codice fiscale/Partita IVA italiani, purchè in possesso di un codice EORI rilasciato da uno dei Paesi UE.

Con la nota Prot. 83592/RU del 30 luglio 2013, l’Agenzia delle Dogane informa ora che è consentito ai soggetti non stabiliti in Italia ma in possesso di codice EORI di registrarsi al Servizio Telematico Doganale come “Fornitore di servizi”.

Per effettuare la registrazione allo stesso, occorre accedere al sito internet dell’Agenzia e recarsi alla sezione “Servizi online” della home-page, selezionando la voce ”Servizio Telematico Doganale” e poi “Istanza di adesione”.

Le regole di compilazione dell’istanza di adesione (anche in lingua inglese) e le istruzioni per l’utilizzo del Servizio Telematico Doganale, sono disponibili, all’indirizzo:

http://assistenza.agenziadogane.it/assistenza/index.asp.

Una volta compilata ed inviata l’istanza, l’operatore, qualificatosi come “fornitore di servizi”, deve ritirare la relativa autorizzazione presso uno degli uffici delle Dogane abilitati al rilascio (il relativo elenco è disponibile nella sezione istanza di adesione).

Ai fini del rilascio dell’autorizzazione è necessario presentare:

–       nel caso di persona fisica – il passaporto in originale o altro documento di identità valido;

–       nel caso di persone giuridiche o di associazioni di persone – rispettivamente, il certificato in originale di iscrizione nel Registro delle imprese o delle Camere di commercio, rilasciato dall’autorità competente del Paese interessato con validità non superiore ai sei mesi – il passaporto, in originale o altro documento di identità valido, della persona fisica che presenta l’istanza.

–       Nel caso in cui il richiedente non possa presentarsi personalmente per il ritiro dell’autorizzazione deve essere presentata:

  • una procura notarile, in originale; ovvero,
  • un atto di delega, in originale, unitamente al passaporto valido alla data del ritiro o altro documento del soggetto delegante, in originale o in copia autentica.

Inoltre, nell’ambito del processo di miglioramento e di ampliamento dei servizi offerti all’utenza, l’Agenzia comunica che il Servizio Telematico Doganale è stato aggiornato permettendo la consultazione degli esiti delle

dichiarazioni estesa agli ultimi 3 anni (in precedenza era limitata agli ultimi 11 mesi).

Comments are closed.