Importazioni nell’UE di tonno proveniente dalla Colombia e da El Salvador, dubbi sulla corretta applicazione del trattamento preferenziale

23 maggio, 2010 scritto da  This page as PDF Stampa Articolo Invia Articolo per Email

In GUUE serie C 132/15 del 21 maggio 2010 è stato pubblicato un avviso agli importatori (2010/C 132/05) con cui la Commissione europea informa gli operatori UE che sussistono ragionevoli dubbi per quanto riguarda la corretta applicazione del trattamento preferenziale e l’applicabilità delle prove d’origine presentate nell’Unione europea per le conserve di tonno e i filetti di tonno congelati di cui alla sottovoce 1604 14 del SA importati dalla Colombia e da El Salvador. Una serie di indagini ha infatti rivelato che quantitativi significativi dei prodotti di cui sopra sono stati dichiarati come originari della Colombia o di El Salvador senza che ricorressero i criteri di ammissibilità. Le indagini non hanno consentito di escludere che siano state importate partite anche da altri paesi beneficiari del sistema di preferenze generalizzate (SPG) senza che siano soddisfatti i requisiti previsti dalle norme di origine SPG relative al cumulo dell’origine.

Gli operatori dell’Unione europea che dichiarano e/o presentano prove documentali dell’origine dei prodotti summenzionati sono pertanto invitati a prendere tutte le debite precauzioni, poiché l’immissione in libera pratica delle merci suddette può determinare l’insorgere di un’obbligazione doganale e dar luogo ad una frode ai danni degli interessi finanziari dell’Unione europea.

L’eventuale contabilizzazione a posteriori di un’obbligazione doganale risultante dalle circostanze di cui sopra sarà disciplinata dalle disposizioni dell’articolo 220, paragrafo 2, lettera b), quinto capoverso, del codice doganale comunitario.

Allegati:  Commissione Europea – 2010 – C132 – Avviso Importazioni Tonno

Comments are closed.