Intervento dell’autorità doganale nei confronti di merci sospettate di violare diritti di proprietà intellettuale.

3 novembre, 2016 scritto da  This page as PDF Stampa Articolo Invia Articolo per Email

proprieta-intellettuale

Con la nota prot. 116727 /RU del 18 ottobre 2016, l’Agenzia delle Dogane informa che nell’ambito del seminario “New national and unional tools for enforcement of IPR”, organizzato in collaborazione con l’Ufficio dell’Unione Europea per la proprietà intellettuale (di seguito EUIPO) lo scorso 15 settembre, l’EUIPO ha presentato la piattaforma Enforcement Data Base (di seguito EDB), che offre ai titolari (o ai loro rappresentanti) la possibilità di compilare le domande di intervento in formato bozza (di seguito Pre-AFA3) ai sensi del Regolamento UE n. 608/2013.

E’ stato inoltre comunicato che sono state ultimate le attività per l’integrazione di FALSTAFF4 con EDB e che, di conseguenza, dal 17 ottobre 2016:

.        è consentita la compilazione tramite EDB delle Pre-AFA aventi ITALIA come “Paese di invio della domanda”

.        FALSTAFF mette a disposizione dei titolari le Pre-AFA acquisite in EDB per il completamento della domanda d’intervento (AFA) come specificato in dettaglio nel seguito. 
A far data dal 17 ottobre 2016 sono disponibili ulteriori funzionalità per semplificare gli adempimenti preliminari all’utilizzo di FALSTAFF stampare il formulario AFA
modificare un’AFA
aggiornare i dati del rappresentante del titolare  e per migliorare l’interazione tra FALSTAFF e COPIS5.

Con 
la nota in commento vengono dunque illustrate le relative funzionalità, al fine di fornire agli utenti un unico provvedimento di riepilogo. Cessano quindi d’efficacia le note prot. nr. 79094/RU del 4 agosto 2014 e prot. nr. 58694/RU del 16 giugno 2015. Per I dettagli si rimanda al testo della nota. Nella sezione dedicata del Portale istituzionale dell’Agenzia è inoltre disponibile una “Guida all’utilizzo” a cui si rimanda per maggiori dettagli.

 La Nota è disponibile al seguente link